Menu
Corriere Locride
Sabato 24 novembre: Comunisti in piazza a Cosenza per l'acqua pubblica

Sabato 24 novembre: Comunisti …

«Il Partito Comunista ...

Torna in libertà l’ex responsabile del SERT di Polistena Elio De Leo

Torna in libertà l’ex responsa…

«La Corte di Assise di...

Ardore. Venerdì 23 novembre si terrà la presentazione del libro “Lumache” di Tassone e Milicia

Ardore. Venerdì 23 novembre si…

Venerdì 23 novembre, n...

Il Tribunale di Palmi ha assolto l’imprenditore Vincenzo Zangari. Era accusato dal collaboratore Rocco Francesco Ieranò di essere uno ‘ndranghetista con la dote del “Vangelo”

Il Tribunale di Palmi ha assol…

Il Tribunale di Palmi,...

Bovalino. Agave presenta la sua sede operativa e molte altre novità

Bovalino. Agave presenta la su…

Presente anche l’Ammin...

Cosenza. Studenti in piazza contro il governo: «Le scuole sicure sono quelle che non crollano»

Cosenza. Studenti in piazza co…

Centinaia di studenti ...

Regione Calabria. Rifiuti, il Dipartimento Presidenza replica ad Abramo

Regione Calabria. Rifiuti, il …

Corre l'obbligo replic...

La piccola Victoria Cosentino debutta su RAI 1 alla 61^ Edizione dello ZECCHINO D’ORO

La piccola Victoria Cosentino …

Finalmente ci siamo. D...

Ambiente. Giornata nazionale degli Alberi, Costa: “Piantiamo un albero insieme ai nostri figli, avranno un amico di cui prendersi cura per tutta la vita”

Ambiente. Giornata nazionale d…

«Per la Giornata degli...

Reggio. Inaugurato l'Auditorium dell'istituto comprensivo "Catanoso - de Gasperi"

Reggio. Inaugurato l'Auditoriu…

Martedì 13 Novembre è ...

Prev Next

Reggio. La Mostra fotografica “Sinapsi Clandestine” di Pietro Politi "sbarca" in Cina

  •   Redazione
Reggio. La Mostra fotografica “Sinapsi Clandestine” di Pietro Politi "sbarca" in Cina

Festival Internazionale di fotografia a Lishui  (CINA) dal 15 al 19 Novembre 2017

Mostra fotografica “Sinapsi Clandestine”

Progetto fotografico di Pietro Politi in collaborazione con i Pagliacci Clandestini

La mostra fotografica “Sinapsi ClanDestine“ realizzata da Pietro Politi in collaborazione con i Pagliacci Clandestini di Reggio Calabria, è stata selezionata dalla commissione di LUMINA in occasione della Call di Fiof. Il progetto sbarcherà in Cina dal 15 al 19 novembre 2017 gli scatti verranno esposti all’interno del Festival Internazionale di fotografia a Lishui in Cina.La mostra è stata selezionatapoiché l’ideale del progetto sposa a pieno l’ideale dell’esposizione, ossia il portare l’Italianità nel mondo.

Ed è questo ciò che fa “Sinapsi ClanDestine”, porta gli ideali, la scelta di persone “comuni” di abbandonare la loro vita, i loro impegni, le loro gioie ed i loro dolori, per dedicarsi pienamente al prossimo, chiunque egli sia, qualunque sia la sua storia, senza distinzione alcuna. che racconta l’essere artisti, con una serie di ritratti, della Compagnia dei “Pagliacci ClanDestini“, realtà del territorio di Reggio Calabria, operante anche in ambito nazionale ed internazionale con diversi progetti attivi.

“Non è semplice – afferma Pietro Politi - esprimere in parole l’emozione, la soddisfazione, la gioia di ricevere la nomina da parte di FIOF (Fondo Internazionale di Fotografia) di Ambasciatore della Fotografia Italiana in Cina. Per me un onore esporre al fianco di artisti del calibro di Eolo Perfido. Ringrazio tutta la compagnia e il presidente, Santo Nicito, una persona capace di ascoltare, accogliere con entusiasmo un’idea nata nel 2014 e portata avanti con forza dal gruppo.”

“Sinapsi ClanDestine” era stata già selezionata in occasione dell’annuale Festival della fotografia di Orvieto, durante il quale gli scatti furono esposti all’interno del Palazzo dei Sette, nel bellissimo centro storico della città umbra. Nei mesi successivi, fino a Settembre, FIOF si è presa carico della mostra, portandola in altre 2 città italiane: San Benedetto del Tronto e Barletta.

Il progetto mostra fotografica “Sinapsi Clandestine” è composto da dieci ritratti 50x70 cm. racconta un gruppo di artisti, i Pagliacci ClanDestini, di Reggio Calabria. “Chiunque nella vita può essere chiunque: bisogna solo scegliere chi essere. Ci sono persone che decidono di “essere” per gli altri e, nonostante le fatiche che la vita quotidiana mette dinanzi, aprono la valigia, si truccano, indossano il loro vestito migliore e partono per portare in giro il loro messaggio e la loro gioia. Ognuno ha un motivo ben preciso che lo ha portato a fare questa scelta di vita - la scelta di essere un “artista”, un “pagliaccio clandestino” - e questa è una cosa straordinaria. La contrapposizione tra la vita reale e la vita da artista, il non sorridere negli scatti, sono piccoli elementi voluti per riuscire ad entrare nell’animo dell’osservatore, per cominciare il percorso che porterà a fare la propria scelta di vita.

Il viaggio nel progetto non termina qui, infatti, nei primi mesi del 2018  la mostra sarà portata da Fiof al Parlamento Europeo a Bruxelles.

                                                        L’Ufficio Stampa

 3927496676