Menu
Corriere Locride
La Palmese perde anche il ricorso di Nania così resta la penalizzazione di un punto. Ma che brutta situazione

La Palmese perde anche il rico…

di Sigfrido Parrello -...

Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Prev Next

Locri. Sabato 7 ottobre avrà luogo il convegno: “Mythos (Uomini e divinità nei miti antichi)”

  •   Redazione
Locri. Sabato 7 ottobre avrà luogo il convegno: “Mythos (Uomini e divinità nei miti antichi)”

LOCRI - “Demetra e Persefone. Culti della fertilità e della rinascita oltre la morte. E’ il tema del convegno denominato “Mythos (Uomini e divinità nei miti antichi)” che avrà luogo sabato 7 ottobre alle ore 15,30 al palazzo della Cultura di Locri.

Una manifestazione di archeologia, storia, letteratura e storia delle religioni, che sarà presentata domani, martedì 3 ottobre alle ore 16 al parco archeologico di Locri e che vedrà la partecipazione di autorità dell’UNiversità di Messina e del polo museale della Calabria. 

Il Convegno intende illuminare, attraverso l’intervento di archeologi, storici, storici delle religioni, filologi, le figure di Demetra e Persefone, le due dee, madre e figlia, unite dai culti della fertilità e della rinascita oltre la morte, praticati all’interno dei riti orfici e dei misteri eleusini. Figlia di Rea e di Crono, Demetra è la sorella maggiore di Zeus, con cui concepì l’adorata figlia Persefone. Cruciale nella dinamica culturale il ratto di Persefone da parte di Ade, avvenuto in Sicilia, nelle campagne di Enna. La corografia rappresenta Persefone con un melograno, i cui chicchi , da lei mangiati nell’Ade , la destinano ad una permanenza nel mondo dei morti ed a un ritorno sulla terra , dalla madre Demetra, per altri sei. La lucerna con cui Demetra cercò disperata- mente per nove giorni la figlia rapita è insieme sia strumento necessario per illuminare il cammino di Persefone, dal fondo buio degli inferi alla terra, sia simbolo della rinascita della vita e della vegetazione sulla terra. Il culto, nato in Grecia ad Eleusi come culto essenzialmente agrario, si diffuse importato dai coloni dorici in Magna Grecia, principalmente a Locri (ma anche a Strongoli, Policoro, Carfazzi e Cirò) ed in Sicilia, ed è anche legato all’acqua, che simboleggia il fluire della vita, nell’alternanza delle stagioni. 

Nella locandina a corredo del seguente pezzo, il programma completo della manifestazione.