Menu
Corriere Locride
Musica. "Chitarrese": il nuovo brano di Francesco Loccisano

Musica. "Chitarrese"…

Diciotto chili di cord...

Viola Basket. Monastero: "Contenti della squadra che abbiamo allestito, siamo pronti per la nuova stagione"

Viola Basket. Monastero: …

Il Presidente della Me...

“Basta Vittime Sulla 106”. Siglata oggi la convenzione che permette all'Associazione di tutelare meglio i diritti dei cittadini

“Basta Vittime Sulla 106”. Sig…

Pronti ad azioni legal...

Cittanova: Virginia Raffaele inaugura la 15a Stagione Teatrale

Cittanova: Virginia Raffaele i…

Sarà Virginia Raf...

Calciomercato di Serie D - La Palmese prende il centravanti Orlando

Calciomercato di Serie D - La …

di Sigfrido Parr...

Calcio, Serie D: la gara Paceco-Palmese arbitra Arena di Torre del Greco

Calcio, Serie D: la gara Pacec…

di Sigfrido Parrello -...

Bovalino. Caffè Letterario Mario La Cava: Sabato 16 settembre apertura della stagione 2017 – 2018

Bovalino. Caffè Letterario Mar…

Inaugurerà la nuova st...

Messaggio del Vescovo di Locri-Gerace agli studenti per il nuovo anno scolastico

Messaggio del Vescovo di Locri…

Caro studente, No, no...

Locri. Oggi giornata di sciopero e presidio dei lavoratori Call&Call Lokroi

Locri. Oggi giornata di sciope…

Le segreterie regional...

Gravi problemi della sanità nelle aree disagiate, il CISADeP chiede un incontro al Ministero della Salute

Gravi problemi della sanità ne…

Il Coordinamento Itali...

Prev Next

Gerace. La Pro loco organizza per lunedì 21 una rievocazione storica della riappacificazione tra Roberto il Guiscardo e Ruggero il Normanno

  •   Redazione
Gerace. La Pro loco organizza per  lunedì 21 una rievocazione storica della riappacificazione tra Roberto il Guiscardo e Ruggero il Normanno

Comunicato stampa - La riappacificazione tra Roberto il Guiscardo e Ruggero il Normanno riproposta in una rievocazione storica organizzata dalla Pro loco di Gerace.

L’appuntamento è per lunedi 21 agosto alle ore 18.

Gerace- Riproporre, dopo circa mille anni, l’incontro tra il Duca Roberto d’Altavilla, detto il Guiscardo, e Ruggero II di Sicilia detto il Normanno. Questo l’intento della Pro Loco di Gerace, presieduta da Concettina Macrì, che col patrocinio del Comune ha organizzato per lunedi prossimo, 21 agosto, con inizio alle ore 18, una rievocazione storica che si preannuncia di estremo interesse sia dal punto di vista culturale che dello spettacolo. Una manifestazione il cui programma prevede un  corteo in costumi d’epoca, l’esibizione di giullari, giocolieri e di sbandieratori. “L’episodio si svolge dentro le mura della Città medievale di Gerace, anticipa alla stampa la presidente Macrì. Le fonti storiche (Fra Simone da Lentini Malaterra, Giusto e il Lentini) narrano che intorno al 1060 sorsero tra i fratelli Normanni delle discordie per la spartizione della Calabria.Tra tante lotte intestine vi è l’episodio di Gerace, città che in un primo tempo si era sottomessa a Roberto il Guiscardo. Un gruppo di notabili geracesi si schierò invece con Ruggero il Normanno ed il Guiscardo, avendo avuto sentore di questo tradimento, entrò sotto altre vesti nella città ospitato da un tal Basilio, scoperto malgrado il travestimento venne fatto prigioniero …I soldati che avevano accompagnato il Guiscardo, appresa la notizia della sua cattura avvisarono il Normanno che si precipitò a Gerace…..”

La manifestazione rievocativa si articolerà secondo alcune fasi alle quali stanno lavorando gli organizzatori. In “Piazza del Tocco” inizia la narrazione della storia, nello stesso tempo dal “”Borghetto”, dai pressi della Chiesetta di San Martino, partirà il corteo del Normanno formato da soldati e notabili. Nel momento in cui il Normanno arriva al Belvedere “Bombarde” viene scorto da un popolano che avvisa il pubblico. Inizia così il corteo del Guiscardo che parte dalla Cattedrale. “Non aggiungiamo altro, sottolinea la presidente Macrì, il resto potrà essere scoperto e vissuto dal pubblico, che ci auguriamo sia numeroso, lunedi prossimo, nella Città di Gerace, alle ore 18. Una rievocazione che servirà anche come rilettura di una delle antiche e nobilissime pagine di storia della Città dello sparviero”