Menu
Corriere Locride
Al via domani Trame. 8, Nicola Gratteri tra i protagonisti della prima giornata

Al via domani Trame. 8, Nicola…

Tutto pronto per l'ott...

Windsurf. Il reggino Scagliola protagonista in Sardegna

Windsurf. Il reggino Scagliola…

Periodo più intenso de...

Coldiretti: la frutta Calabrese ancora protagonista nella Filiera Agricola Italiana

Coldiretti: la frutta Calabres…

Molinaro: bevanda anal...

Politica. Grazioso Manno presidente del Consorzio di Bonifica di Catanzaro: «Chiefalo commissario provinciale della Lega è un’ottima scelta»

Politica. Grazioso Manno presi…

Riceviamo e pubblichia...

Fattoria della Piana dona un mezzo per la raccolta differenziata al Comune di Candidoni

Fattoria della Piana dona un m…

Mercoledì 20 giugno, a...

La guida turistica "Pronto Estate" giunge alla IX edizione

La guida turistica "Pront…

La guida turistica Pro...

Wwf. I rifiuti del mare in mostra per sensibilizzare

Wwf. I rifiuti del mare in mos…

I volontari del WWF ha...

Coldiretti su rapporto Banca d'Italia: l'agricoltura non arretra nonostante sia sotto attacco ed in Calabria penalizzata

Coldiretti su rapporto Banca d…

Molinaro: la Calabria ...

Lamezia Terme. Lunedì 18, audizioni al Civico Trame per lo spettacolo di Moni Ovadia e Mario Incudine

Lamezia Terme. Lunedì 18, audi…

Si terranno luned...

Falerna. Incontro su "Gli stati generali dei rifiuti in Calabria" con l'assessore Rizzo

Falerna. Incontro su "Gli…

Oggi a Falerna, alla f...

Prev Next

Bova Marina. Al cineteatro Don Bosco un convegno dal titolo: “Facciamo squadra contro bullismo e cyberbullismo”

  •   Redazione
Bova Marina. Al cineteatro Don Bosco un convegno dal titolo: “Facciamo squadra contro bullismo e cyberbullismo”

L'oratorio salesiano ha fatto centro! Giovedì 22 febbraio, il cineteatro Don Bosco dell'Oratorio Salesiano di Bova Marina è stato sede di un interessante e partecipato convegno dal titolo emblematico “Facciamo squadra contro bullismo e cyberbullismo”, organizzato dall’Oratorio Salesiano di Bova Marina e dall’associazione CGS SALES, in collaborazione con l’ente di formazione professionale CNOS FAP, con l’Associazione culturale CGS ELPIDA e con il CNOS SPORT di BOVA MARINA.

 Davanti ad una platea composta da studenti, insegnanti, dirigenti scolastici e avvocati, si sono avvicendati esperti del settore, preceduti dai rappresentanti di diverse associazioni, a partire da Annamaria Reggio, Past President Kiwanis Reghion 2007 e Segretario Distrettuale aggiunto, seguita da Antonio Eraclini, Consigliere Nazionale ASC e Presidente Provinciale ASC e da Andrea Casile, Presidente dell’Associazione Onlus Caterina Marzano.

Ad aprire i lavori i saluti di Don Rino Carignano, direttore dell'Oratorio, il quale, dopo aver dato il benvenuto ai presenti, ha sottolineato quanto sia necessario riflettere sulle conseguenze che atti di bullismo o cyberbullismo provocano sulla vittima, ma come sia altrettanto importante riflettere su ciò che spinge un ragazzo ad assumere atteggiamenti da bullo nei confronti dei più deboli, coerentemente con quanto affermava don Bosco, ovvero la ricerca di un punto accessibile al bene in ogni ragazzo, anche il più scalmanato.

A seguire il saluto inviato dal Garante per l’infanzia e l’adolescenza, Antonio Marziale, che, per impegni istituzionali, non ha potuto prendere parte all’evento, ma che ha voluto salutare i presenti con una lettera, letta da un giovane animatore salesiano, attraverso la quale ha sottolineato l’importanza di eventi del genere e ricordato l’importante valore della sinergia tra famiglia, mondo della scuola  e associazioni, soprattutto nel contrasto ad un problema che ormai quotidianamente interessa ragazzi di ogni età. Un problema che come introdotto dalla moderatrice, la dott.ssa Marilù Mandanici, psicologa e psicoterapeuta giudice onorario della sezione minori della Corte d’Appello di Reggio Calabria, nonché componente staff Bibliopedìa, non riguarda solo i giovani ma anche le famiglie.

La parola è poi passata al dott. Antonio Battaglia, già Ispettore di Polizia Postale e delle Comunicazione ed esperto di analisi web che, forte della pregressa esperienza maturata durante gli incontri nelle scuole, ha indicato le abitudini e i comportamenti più rischiosi dei cybernauti e ha offerto ai presenti nozioni e informazioni per difendersi dal bullismo e cyberbullismo e dai pericoli della rete - a partire dalla configurazione di uno smartphone che, necessitando di un indirizzo ip ci rende sempre rintracciabili, nelle abitudini quotidiane di ognuno di noi sono individuabili prassi potenzialmente pericolose quali l'invio di dati o foto personali, confidando nella riservatezza del nostro interlocutore – rimarcando, più volte, la necessità di un'azione ad ampio spettro che coinvolga i giovani e, contemporaneamente, le famiglie, le scuole e le Associazioni in modo si possa educare ad un uso consapevole della rete.

Il secondo intervento è stato quello dell’avv. Ornella Attisano, foro di Reggio Calabria, esperta in diritto di famiglia e minorile, referente AIAF, distretto di Corte di Appello di RC e cultrice presso la facoltà di Giurisprudenza dell'Università Mediterranea, la quale, dopo un excursus fra vari dati Istat inerenti la diffusione del fenomeno, ha illustrato ai presenti la recente legge emanata in materia di Bullismo, evidenziando come il legislatore abbia voluto porre l’accento su tutte le possibili declinazioni del suddetto fenomeno, e ribadendo più volte quali siano gli atteggiamenti penalmente perseguibili e le responsabilità non solo del reo minorenne ma anche della famiglia dello stesso.

La nota comune sottolineata da entrambi i relatori è stata che la giustificazione data dai persecutori è sempre “l’abbiamo fatto per ridere” ribadendo la sostanziale incapacità dei ragazzi di valutare la gravità e gli effetti di condotte che ai lori occhi sono quasi insignificanti, ignorando le conseguenze della terribile dinamica di gruppo che si innesca quando una compagine individua un “bersaglio”.

Considerazioni che sono state abbracciate subito dopo dallo psicologo e psicoterapeuta, dott. Sandro Autolitano, il quale ha sottolineato il fatto che il dilagare repentino del bullismo e cyberbullismo richiede certamente un intervento normativo che possa tutelare il minore, ma affinché l'applicazione della norma non rimanga lettera morta bisogna agire, comunicando con i giovani, le famiglie e la scuola. È necessario anche individuare le dinamiche capaci di portare gli adolescenti a farsi carnefici dei loro coetanei attraverso un piano educativo, formativo e pedagogico.

A concludere i lavori il presidente della PGS CALABRIA, Demetrio Rosace, che ha lanciato simbolicamente il via al torneo “Diamo un Calcio al Bullismo e Cyberbullismo, che si è svolto, invece, sabato 24 Febbraio.

Quattro le squadre che si sono sfidate, alla presenza del direttore tecnico della PGS CALABRIA Luigi Corio, sul campo di calcio dell’Oratorio Salesiano  –Xenium Villa S.G., La nostra Valle, Oradonbosco RC, Oratorio Salesiano Bova M.na – in un sano agonismo, a testimonianza di quanto il calcio e lo sport in generale, possa essere un luogo privilegiato non solo per l'apprendimento di tecniche e strategie di gioco, ma anche di apprendimento di norme di rispetto reciproco.ad avere la meglio per la categoria Under 18 l’Oratorio Salesiano di Bova marina, secondo posto per Oradonbosco e terzo per Xenium Villa S.G., mentre per la categoria under 15 si è registrato un pari merito per tutte le squadre.

Parallelamente nei locali di Bibliopedìa, la biblioteca presente all’interno dell’Oratorio Salesiano, si è svolta la lettura animata “Ricomincio da me” a cura del Kiwanis Reghion 2007, nelle persona di Rosa Maria Galelli, Andrea Casile e Annamaria Reggio. Attraverso le vicende di due gattini, i bambini presenti hanno potuto riflettere su una problematica rispetto alla quale quale nemmeno i più piccoli sono esenti.

Conclusi gli impegni istituzionali di formazione e prevenzione del bullismo e del cyberbullismo,  prassi che  sono sempre presenti nella quotidianità delle attività oratoriane, continua l’impegno dello staff del CGS Sales – Bibliopedìa che sta già organizzando, di concerto con l’I.S. Euclide di Bova Marina, un convegno su un altro tema scottante e doloroso quale la violenza di genere. L’evento, previsto per il mese di marzo, si avvarrà della presenza di professionisti ed esperti che metteranno a disposizione dei ragazzi la loro esperienza.