Menu
Corriere Locride
Parco Aspromonte, l’appello del Presidente Bombino ai candidati

Parco Aspromonte, l’appello de…

“E’ necessario che i f...

Contratto scuola, bonus 80 euro salvaguardato per le fasce più deboli

Contratto scuola, bonus 80 eur…

Grazie a legge di bila...

Ancora un evento internazionale a Cosenza: Noa e la sua band in concerto il 6 aprile al teatro Rendano

Ancora un evento internazional…

Sarà anche premiata pe...

Il Polo Museale della Calabria ha partecipato con successo alla quarta edizione di TourismA

Il Polo Museale della Calabria…

TOURISMA 2018 – Salone...

Regione. Musmanno: "Nessuna cancellazione dei treni regionali 3692 e 3694"

Regione. Musmanno: "Nessu…

"I treni regionali n. ...

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24 febbraio il Teatro della Girandola presenta lo Spettacolo “In bocca al lupo”

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24…

Il Teatro della Girand...

Siderno. Sinistra Italiana: «Città Giardino a basso costo. L’amministrazione Fuda ha mantenuto la parola»

Siderno. Sinistra Italiana: «C…

Riceviamo e pubblichia...

Taurianova. Oggi il Comune compie novant’anni dalla sua istituzione

Taurianova. Oggi il Comune com…

I comuni di Radicena, ...

Regione Calabria. Fondi post 2020: partecipa alla consultazione online

Regione Calabria. Fondi post 2…

La Commissione europea...

Reggio. Sabato 17 Febbraio si terrà il secondo incontro formativo per parlare del progetto: “Non c’è Libertà senza Legalità”

Reggio. Sabato 17 Febbraio si …

Il Progetto “NON C’E’ ...

Prev Next

Un’auto cisterna si ribalta e riversa 13.000 litri di GPL: strada bloccata per una intera giornata

  •   Redazione
Un’auto cisterna si ribalta e riversa 13.000 litri di GPL: strada bloccata per una intera giornata

"S.s.106 bloccata: vergogna d’italia. "Ancora nel 2017 lo stato non riesce ad investire nell’ammodernamento di una strada rimasta ferma agli anni ’70 mentre la calabria muore o emigra

Nella giornata di ieri la strada Statale 106 ionica è rimasta bloccata dalle 11:00 del mattino fino ad oltre le 22:00. Il traffico è stato deviato su strade locali interne, nel tratto che attraversa il territorio di Marina di Strongoli, a causa del ribaltamento di un'autocisterna che trasportava 13.000 litri di GPL.

Sono tre le buone notizie: l’autista del mezzo non è deceduto e non ha riportato ferite gravi; il ribaltamento del mezzo è avvenuto in un luogo dove è stato possibile deviare il traffico sulla viabilità interna poiché sarebbe potuto accadere in un tratto dove non c’è possibilità di deviazione per il traffico essendo la S.S.106 l’unica strada presente sulla costa jonica Calabrese; l’incidente non  è avvenuto d’estate ma in un momento dell’anno in cui c’è poco traffico altrimenti i disagi sarebbero stati ancora più elevati.

Meritano un encomio gli uomini delle Forze dell’Ordine (la Polstrada di Crotone in particolare), subito intervenuta sul posto, insieme agli uomini dell’Anas Spa e, in ultimo, meritano un grande ringraziamento gli uomini dei Vigili del Fuoco del Comando provinciale di Crotone insieme ad una squadra speciale giunta dal Comando provinciale di Catanzaro impegnati a recuperare e travasare il gas, con tutte le cautele del caso, all'interno della cisterna.

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” ritiene che quanto è accaduto ieri sulla S.S.106 a Marina di Strongoli nel 2017 ci permette di evidenziare con amarezza quanto siano enormi le dimensioni di arretratezza infrastrutturale (e, quindi, complessiva), in cui versa la Calabria jonica.

Lo Stato – che da sempre l’Associazione definisce opportunamente “assassino” – non solo è un complice nell’olocausto che vede da sempre tante, troppe vittime sulla S.S.106, ma è anche responsabile dell’incapacità di investire quelle irrisorie risorse economiche previste per l’ammodernamento della S.S.106. Non solo investe ancora oggi grossi capitali per migliorare le infrastrutture presenti al Nord del Paese destinando solo qualche briciola al Sud ed ancora meno alla Calabria ma poi – vedi 3° Megalotto della nuova S.S.106 – non è capace neanche di investire quelle inconsistenti risorse peraltro già destinate.

Così uccide la Calabria tutta, la jonica in particolare. Basta leggere i dati Svimez ed Istat per capire cosa sta accadendo: tra 20 anni (senza andare lontano), saranno oltre 50 i Comuni presenti nell’entroterra prossimo alla costa jonica calabrese che non esisteranno più. Saranno paesi fantasma che oggi sono poco popolati e domani non lo saranno più. Piccoli comuni e piccole storie che oggi sopravvivono e possono essere rilanciate con un piano di investimenti infrastrutturali ma domani non riusciremo mai più a ripopolare.

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” ritiene che siano queste le questioni sulle quali bisogna riflettere quando si parla di “futuro per le nuove generazioni”: una Calabria con sole due strade, l’A2 da una parte ed una mulattiera dall’altra che al primo problema resta bloccata per un giorno intero. Nel 2017, è triste dirlo, sulla S.S.106 siamo ancora rimasti agli anni ’70.

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” – 5 Dicembre 2017