Menu
Corriere Locride
Calcio, Serie D Juniores Nazionali - La Palmesina si prepara. Ecco il calendario completo delle calabresi

Calcio, Serie D Juniores Nazio…

di Sigfrido Parrello -...

Il 15 agosto al Teatro al Castello di Roccella Ionica Mid Summer Event con  Francesco Loccisano e Tuck & Patti

Il 15 agosto al Teatro al Cast…

ROCCELLA JAZZ FESTIVAL...

Palmi: È guerra tra i Boys Palmi 78 e Pino Carbone

Palmi: È guerra tra i Boys Pal…

Riceviamo e pubblichia...

Calcio, la LND ha reso noti i calendari della Serie D 2017-2018. Tanti i derby calabresi, spicca Palmese-Vibonese

Calcio, la LND ha reso noti i …

di Sigfrido Parrello -...

Sanità. Con il decreto 111 via libera a 1175 assunzioni

Sanità. Con il decreto 111 via…

Il commissario ad acta...

Tutto pronto presso l'hotel Lungomare a Brancaleone per la presentazione del libro "Eccellenze di Calabria"

Tutto pronto presso l'hotel Lu…

L'incontro verrà moder...

A Bova una nuova residenza per anziani entro i prossimi due anni

A Bova una nuova residenza per…

Siglato il protocollo ...

Palmese - Carbone presenta il nuovo sponsor. “Tricarico e Mosciaro scorretti. Se a Dicembre non arrivano nuovi finanziatori il titolo sportivo sarà ceduto”

Palmese - Carbone presenta il …

di Sigfrido Parrello -...

La Palmese di mister Pellicori inizia a prendere forma. Oggi conferenza stampa e amichevole

La Palmese di mister Pellicori…

di Sigfrido Parrello -...

Calcio, Serie D - Il reclamo del Rende fa slittare i Gironi

Calcio, Serie D - Il reclamo d…

di Sigfrido Parrello -...

Prev Next

Sinopoli. I Carabinieri col supporto della Polizia di Stato hanno tratto in arresto il latitante Romeo Antonino

  •   Redazione
Sinopoli. I Carabinieri col supporto della Polizia di Stato  hanno tratto in arresto il latitante Romeo Antonino

Continuano senza sosta i servizi, predisposti dal Comando Provinciale di Reggio Calabria con il supporto dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, finalizzati al contrasto al traffico di sostanze stupefacenti.

Ed all’alba di ieri 04 agosto 2017, in Sinopoli (RC), contrada Zoccalì, i Carabinieri della locale Stazione e dello Squadrone, con il supporto di personale del Commissariato di P.S. di Palmi (RC), hanno individuato e tratto in arresto il latitante ROMEO Antonino 37enne di Sinopoli e Forgione Antonino, 20enne di Taurianova.

I due, nella circostanza, sono stati sorpresi mentre erano intenti a “prendersi cura” di una piantagione di marijuana occultata in un’impervia area boschiva: le circa 100 piante di canapa indiana, da 1 metro e mezzo di altezza e dal peso complessivo di 60 chili, avrebbero fruttato, sul mercato illecito degli stupefacenti, circa 100.000 euro.

Il FORGIONE, a dispetto della giovane età, è già “soggetto noto” alle Forze di Polizia, per diversi precedenti  penali per reati contro il patrimonio ed in materia di armi.

Di caratura criminale indubbiamente superiore è, però, il ROMEO: come il giovane complice è, ufficialmente, un bracciante agricolo, ma ha alle spalle un’importante serie di precedenti penali specifici. Il suo “pollice verde”, infatti, trova sfogo soprattutto nella coltivazione di canapa indiana. Un autentico “chiodo fisso”. Quasi esattamente un anno fa (il 2 agosto 2016), infatti, fu ancora una piantagione a tradirlo, quella volta a Bagnara Calabra, allorquando, insieme ad un complice, fu sorpreso in flagranza con 100 piante di marijuana ed arrestato dai Carabinieri della locale Stazione in collaborazione (anche in quella circostanza) con lo Squadrone Cacciatori.

Ma ROMEO era, sino ad oggi, soprattutto un ricercato: dallo scorso settembre, infatti, si era reso irreperibile, sottraendosi così al provvedimento di fermo scaturito nell’ambito dell’operazione “Grifone” del Commissariato di P.S. di Palmi sotto la direzione della D.D.A. di Reggio Calabria. Nell’indagine in questione è indagato, insieme ad altri, per traffico di stupefacenti con l’aggravante del metodo mafioso.

A seguito degli eventi di oggi, per i due arrestati, terminate le formalità di rito, la Procura della Repubblica di Palmi ha disposto la traduzione presso la locale Casa Circondariale.

Dovranno entrambi difendersi dall’accusa di produzione, coltivazione e traffico di stupefacente in concorso.

Il Forgione dovrà rispondere anche di favoreggiamento personale, avendo, con la sua condotta, aiutato il complice a sottrarsi alle ricerche.