Menu
Corriere Locride
A Gioiosa Jonica (RC), sabato prossimo il convegno sul tema “Attualità sulle neoplasie della mammella” organizzato dall’associazione “Angela Serra-Locride”

A Gioiosa Jonica (RC), sabato …

Sabato 14 Dicembre all...

Reggio. "Progetto giustizia semplice": Venerdì 13 convegno a Palazzo Alvaro

Reggio. "Progetto giustiz…

“Progetto Giustizia Se...

"Emozioni a colori". A Bova Marina iniziativa contro la violenza di genere promossa dall''Ass. Thesis

"Emozioni a colori".…

"Emozioni a colori" è ...

Il Parco Archeologico urbano di Brancaleone Vetus chiuso ai visitatori; l'appello della Pro-Loco!

Il Parco Archeologico urbano d…

Non si arresta la cont...

La democrazia a zumpa filici (Africo e dintorni)

La democrazia a zumpa filici (…

di Bruno Salvatore Luc...

Poste Italiane: a Reggio Calabria un’azienda a misura di bambino

Poste Italiane: a Reggio Calab…

Reggio Calabria, 6 dic...

Sant'Ilario dello Jonio.  Sabato 7 dicembre l'evento: "Tra racconto e riflessioni le migrazioni del passato e del presente", con Mimmo Gangemi, Ilario Ammendolia e la musica di Fabio Macagnino

Sant'Ilario dello Jonio. Saba…

Sabato 7 dicembre, all...

"Fondo per le Non Autosufficienze": pubblicato il Bando che coinvolge tutti i cittadini residenti a sud di Locri

"Fondo per le Non Autosuf…

Il presente avviso, pr...

Presentato a Lamezia Terme «Leopardi e L’Infinito» di Raffaele Gaetano

Presentato a Lamezia Terme «Le…

Presentato sabato scor...

Prev Next

Sant’Ilario. In località “Piano dei Corvi” i carabinieri trovano un fucile a canne "mozze" nascosto tra la vegetazione

  •   Redazione
Sant’Ilario. In località “Piano dei Corvi” i carabinieri trovano un fucile a canne "mozze" nascosto tra la vegetazione

Nel corso di un servizio di rastrellamento in area pre-aspromontana effettuato lo scorso fine settimana, i Carabinieri della Stazione di Sant’Ilario dello Jonio assieme ai Cacciatori di Calabria, hanno trovato un fucile a canne mozze cal. 16 con matricola abrasa ed oltre 60 cartucce di vario calibro.

L’esito del controllo conferma come l’entroterra aspromontano, come già visto nel corso dell’anno con i vari rinvenimenti, si presti particolarmente ad essere utilizzato come “deposito” di armi che vengono nascoste nelle zone più impervie.

Il materiale, infatti, si trovava in un terreno demaniale in località “Piano dei Corvi” del Comune di Ciminà ed era stato ben nascosto tra la fitta vegetazione.

Le armi, in  ottimo stato di conservazione, sono state sequestrate e messe a disposizione della Procura della Repubblica di Locri per tutti gli accertamenti tecnici che intenderà delegare.