Menu
Corriere Locride
Bovalino. Sabato 29 settembre al Caffè Letterario Mario La Cava si terrà la Presentazione del romanzo "Il cielo comincia dal basso"

Bovalino. Sabato 29 settembre …

«Rosa Sirace è una che...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Prev Next

Sant’Ilario. In località “Piano dei Corvi” i carabinieri trovano un fucile a canne "mozze" nascosto tra la vegetazione

  •   Redazione
Sant’Ilario. In località “Piano dei Corvi” i carabinieri trovano un fucile a canne "mozze" nascosto tra la vegetazione

Nel corso di un servizio di rastrellamento in area pre-aspromontana effettuato lo scorso fine settimana, i Carabinieri della Stazione di Sant’Ilario dello Jonio assieme ai Cacciatori di Calabria, hanno trovato un fucile a canne mozze cal. 16 con matricola abrasa ed oltre 60 cartucce di vario calibro.

L’esito del controllo conferma come l’entroterra aspromontano, come già visto nel corso dell’anno con i vari rinvenimenti, si presti particolarmente ad essere utilizzato come “deposito” di armi che vengono nascoste nelle zone più impervie.

Il materiale, infatti, si trovava in un terreno demaniale in località “Piano dei Corvi” del Comune di Ciminà ed era stato ben nascosto tra la fitta vegetazione.

Le armi, in  ottimo stato di conservazione, sono state sequestrate e messe a disposizione della Procura della Repubblica di Locri per tutti gli accertamenti tecnici che intenderà delegare.