Menu
Corriere Locride
Sabato 24 novembre: Comunisti in piazza a Cosenza per l'acqua pubblica

Sabato 24 novembre: Comunisti …

«Il Partito Comunista ...

Torna in libertà l’ex responsabile del SERT di Polistena Elio De Leo

Torna in libertà l’ex responsa…

«La Corte di Assise di...

Ardore. Venerdì 23 novembre si terrà la presentazione del libro “Lumache” di Tassone e Milicia

Ardore. Venerdì 23 novembre si…

Venerdì 23 novembre, n...

Il Tribunale di Palmi ha assolto l’imprenditore Vincenzo Zangari. Era accusato dal collaboratore Rocco Francesco Ieranò di essere uno ‘ndranghetista con la dote del “Vangelo”

Il Tribunale di Palmi ha assol…

Il Tribunale di Palmi,...

Bovalino. Agave presenta la sua sede operativa e molte altre novità

Bovalino. Agave presenta la su…

Presente anche l’Ammin...

Cosenza. Studenti in piazza contro il governo: «Le scuole sicure sono quelle che non crollano»

Cosenza. Studenti in piazza co…

Centinaia di studenti ...

Regione Calabria. Rifiuti, il Dipartimento Presidenza replica ad Abramo

Regione Calabria. Rifiuti, il …

Corre l'obbligo replic...

La piccola Victoria Cosentino debutta su RAI 1 alla 61^ Edizione dello ZECCHINO D’ORO

La piccola Victoria Cosentino …

Finalmente ci siamo. D...

Ambiente. Giornata nazionale degli Alberi, Costa: “Piantiamo un albero insieme ai nostri figli, avranno un amico di cui prendersi cura per tutta la vita”

Ambiente. Giornata nazionale d…

«Per la Giornata degli...

Reggio. Inaugurato l'Auditorium dell'istituto comprensivo "Catanoso - de Gasperi"

Reggio. Inaugurato l'Auditoriu…

Martedì 13 Novembre è ...

Prev Next

Sant'Ilario. Assenteismo al Comune, 11 misure cautelari di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

  •   Redazione
Sant'Ilario. Assenteismo al Comune, 11 misure cautelari di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

11 dipendenti comunali avrebbero abbandonato il posto di lavoro, durante le ore di servizio, per sbrigare faccende personali. Agli stessi sono state notificate dai carabinieri altrettante misure cautelari di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Le accuse sono: truffa aggravata e continuata, attestazione fraudolenta della presenza in servizio, abuso d'ufficio e peculato.
E' stato il gip del Tribunale di Locri su richiesta della Procura che ha coordinato le indagini svolte nell'arco di tempo che va da settembre 2016 a gennaio 2017, ad emettere i provvedimenti cautelari. Le indagini attuate anche attraverso pedinamenti e riprese video dimostrerebbero che i dipendenti si allontanavano dopo avere attestato falsamente la propria presenza in ufficio eludendo il sistema di rilevazione elettronica.