Menu
Corriere Locride
La Palmese perde anche il ricorso di Nania così resta la penalizzazione di un punto. Ma che brutta situazione

La Palmese perde anche il rico…

di Sigfrido Parrello -...

Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Prev Next

San Pietro di Caridà (RC). Arrestati due fratelli con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio

  •   Redazione
San Pietro di Caridà (RC). Arrestati due fratelli con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio

Il 5 ottobre scorso, nel corso di un servizio antidroga a San Pietro di Caridà, i Carabinieri della Stazione di Serrata, hanno arrestato due fratelli, LAMARI Pino di 35 anni e Saro di 36 anni, con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

In particolare, i militari dell’Arma, a seguito di una perquisizione domiciliare, hanno sorpreso i due fratelli in possesso di quasi 8 kg  marijuana, in parte già suddivisa in 12 buste di plastica termo sigillate ed in parte nascosta sotto il letto in attesa dell’essicazione.

Al dettaglio, l’ingente quantitativo di sostanza rinvenuta, evidentemente destinata alle principali piazze di spaccio della provincia reggina, avrebbe fruttato 15 mila euro.

I fratelli LAMARI, a seguito della convalida dell’arresto, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Palmi, mentre la droga sequestrata sarà trasmessa al RIS di Messina per le analisi tossicologiche del caso.