Menu
Corriere Locride
Al via domani Trame. 8, Nicola Gratteri tra i protagonisti della prima giornata

Al via domani Trame. 8, Nicola…

Tutto pronto per l'ott...

Windsurf. Il reggino Scagliola protagonista in Sardegna

Windsurf. Il reggino Scagliola…

Periodo più intenso de...

Coldiretti: la frutta Calabrese ancora protagonista nella Filiera Agricola Italiana

Coldiretti: la frutta Calabres…

Molinaro: bevanda anal...

Politica. Grazioso Manno presidente del Consorzio di Bonifica di Catanzaro: «Chiefalo commissario provinciale della Lega è un’ottima scelta»

Politica. Grazioso Manno presi…

Riceviamo e pubblichia...

Fattoria della Piana dona un mezzo per la raccolta differenziata al Comune di Candidoni

Fattoria della Piana dona un m…

Mercoledì 20 giugno, a...

La guida turistica "Pronto Estate" giunge alla IX edizione

La guida turistica "Pront…

La guida turistica Pro...

Wwf. I rifiuti del mare in mostra per sensibilizzare

Wwf. I rifiuti del mare in mos…

I volontari del WWF ha...

Coldiretti su rapporto Banca d'Italia: l'agricoltura non arretra nonostante sia sotto attacco ed in Calabria penalizzata

Coldiretti su rapporto Banca d…

Molinaro: la Calabria ...

Lamezia Terme. Lunedì 18, audizioni al Civico Trame per lo spettacolo di Moni Ovadia e Mario Incudine

Lamezia Terme. Lunedì 18, audi…

Si terranno luned...

Falerna. Incontro su "Gli stati generali dei rifiuti in Calabria" con l'assessore Rizzo

Falerna. Incontro su "Gli…

Oggi a Falerna, alla f...

Prev Next

San Pietro di Caridà (RC). Arrestati due fratelli con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio

  •   Redazione
San Pietro di Caridà (RC). Arrestati due fratelli con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio

Il 5 ottobre scorso, nel corso di un servizio antidroga a San Pietro di Caridà, i Carabinieri della Stazione di Serrata, hanno arrestato due fratelli, LAMARI Pino di 35 anni e Saro di 36 anni, con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

In particolare, i militari dell’Arma, a seguito di una perquisizione domiciliare, hanno sorpreso i due fratelli in possesso di quasi 8 kg  marijuana, in parte già suddivisa in 12 buste di plastica termo sigillate ed in parte nascosta sotto il letto in attesa dell’essicazione.

Al dettaglio, l’ingente quantitativo di sostanza rinvenuta, evidentemente destinata alle principali piazze di spaccio della provincia reggina, avrebbe fruttato 15 mila euro.

I fratelli LAMARI, a seguito della convalida dell’arresto, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Palmi, mentre la droga sequestrata sarà trasmessa al RIS di Messina per le analisi tossicologiche del caso.