Menu
Corriere Locride
Bovalino. Sabato 29 settembre al Caffè Letterario Mario La Cava si terrà la Presentazione del romanzo "Il cielo comincia dal basso"

Bovalino. Sabato 29 settembre …

«Rosa Sirace è una che...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Prev Next

San Pietro di Caridà (RC). Arrestati due fratelli con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio

  •   Redazione
San Pietro di Caridà (RC). Arrestati due fratelli con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio

Il 5 ottobre scorso, nel corso di un servizio antidroga a San Pietro di Caridà, i Carabinieri della Stazione di Serrata, hanno arrestato due fratelli, LAMARI Pino di 35 anni e Saro di 36 anni, con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

In particolare, i militari dell’Arma, a seguito di una perquisizione domiciliare, hanno sorpreso i due fratelli in possesso di quasi 8 kg  marijuana, in parte già suddivisa in 12 buste di plastica termo sigillate ed in parte nascosta sotto il letto in attesa dell’essicazione.

Al dettaglio, l’ingente quantitativo di sostanza rinvenuta, evidentemente destinata alle principali piazze di spaccio della provincia reggina, avrebbe fruttato 15 mila euro.

I fratelli LAMARI, a seguito della convalida dell’arresto, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Palmi, mentre la droga sequestrata sarà trasmessa al RIS di Messina per le analisi tossicologiche del caso.