Menu
Corriere Locride
La Palmese perde anche il ricorso di Nania così resta la penalizzazione di un punto. Ma che brutta situazione

La Palmese perde anche il rico…

di Sigfrido Parrello -...

Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Prev Next

San Ferdinando (RC). Attività commerciale frequentata da pregiudicati: la questura sopspende la licenza per 15 giorni

  •   Redazione
San Ferdinando (RC). Attività commerciale frequentata da pregiudicati: la questura sopspende la licenza per 15 giorni

Comunicato stampa - Nella giornata del 28 settembre 2017, a San Ferdinando (RC), i Carabinieri della locale Stazione hanno provveduto alla notifica del provvedimento di sospensione della licenza di esercizio commerciale, con conseguente chiusura del locale per la durata di quindici giorni, all’attività denominata “TORREFAZIONE CIOCCOGELATERIA NASELLI”, avente sede nel Comune di San Ferdinando in Via Pavia.

Il provvedimento sospensivo, emesso con decreto della Questura di Reggio Calabria in data 23 settembre 2017, scaturisce dalla costante attività di monitoraggio, svolta dai militari del Comando Arma di San Ferdinando, nel corso della quale è stato possibile documentare come il bar, che già nel 2013 era stato destinatario del medesimo provvedimento, fosse divenuto nuovamente, nell’ultimo periodo, abituale ritrovo di soggetti pregiudicati con precedenti di polizia in materia di armi, nonché di soggetti ritenuti vicini alle locali consorterie criminali, e pertanto ritenute pericolose per la moralità pubblica  e per la sicurezza dei residenti.