Menu
Corriere Locride
Contratto scuola, bonus 80 euro salvaguardato per le fasce più deboli

Contratto scuola, bonus 80 eur…

Grazie a legge di bila...

Ancora un evento internazionale a Cosenza: Noa e la sua band in concerto il 6 aprile al teatro Rendano

Ancora un evento internazional…

Sarà anche premiata pe...

Il Polo Museale della Calabria ha partecipato con successo alla quarta edizione di TourismA

Il Polo Museale della Calabria…

TOURISMA 2018 – Salone...

Regione. Musmanno: "Nessuna cancellazione dei treni regionali 3692 e 3694"

Regione. Musmanno: "Nessu…

"I treni regionali n. ...

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24 febbraio il Teatro della Girandola presenta lo Spettacolo “In bocca al lupo”

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24…

Il Teatro della Girand...

Siderno. Sinistra Italiana: «Città Giardino a basso costo. L’amministrazione Fuda ha mantenuto la parola»

Siderno. Sinistra Italiana: «C…

Riceviamo e pubblichia...

Taurianova. Oggi il Comune compie novant’anni dalla sua istituzione

Taurianova. Oggi il Comune com…

I comuni di Radicena, ...

Regione Calabria. Fondi post 2020: partecipa alla consultazione online

Regione Calabria. Fondi post 2…

La Commissione europea...

Reggio. Sabato 17 Febbraio si terrà il secondo incontro formativo per parlare del progetto: “Non c’è Libertà senza Legalità”

Reggio. Sabato 17 Febbraio si …

Il Progetto “NON C’E’ ...

Regione Calabria. Approvato testo di legge "interventi per il sistema del cinema e dell'audiovisivo"

Regione Calabria. Approvato te…

Con l’approvazione del...

Prev Next

Reggio. Non bonificano l’argine della Fiumara Calopinace dai rifiuti scaricati abusivamente. Tre persone nuovamente denunciate

  •   Redazione
Reggio. Non bonificano l’argine della Fiumara Calopinace dai rifiuti scaricati abusivamente. Tre persone nuovamente denunciate
Continua l’azione dei Carabinieri Forestali contro l’incivile ed intollerabile usanza, di alcuni cittadini, di utilizzare gli alvei dei torrenti come discarica per ogni tipo di rifiuto. I Militari dell’Arma in servizio presso la Stazione di Reggio Calabria hanno nuovamente denunciato a piede libero, all’Autorità Giudiziaria, tre persone B.A. di anni 65, B.F. di anni 64 e V.G. di anni 70, per non aver eseguito l’ordinanza emessa dal Comune di Reggio Calabria che li obbligava a bonificare dai rifiuti da loro stessi abbandonati in precedenza lungo l’argine del Torrente Calopinace, in località Boschiello. I tre soggetti erano già stati denunciati nell’aprile dello scorso anno dallo stesso personale, nell’ambito di un’operazione di repressione al fenomeno delle discariche abusive, molto frequente nella zona della fiumara Calopinace. Utilizzando microtelecamere nascoste, gli agenti operanti filmarono ed identificarono i tre soggetti che avevano eletto quel tratto di argine come loro discarica privata, dove scaricavano materiale di ogni natura, bruciando irresponsabilmente cumuli di materiali plastici e di cavi elettrici per ricavarne il rame. E’ notoria infatti la pericolosità della combustione del materiale plastico poiché produce diossina, una classe di composti chimici organici riconosciute come cancerogene, in grado di contaminare i suoli, entrare nella catena alimentare e causare danni irreparabili agli organismi viventi, uomo compreso. Al seguito della denuncia, la competente Autorità Giudiziaria dispose il sequestro dell’area, affidata in custodia al Comune di Reggio Calabria che a sua volta ordinò agli indagati lo sgombero dei materiali. e il ripristino dello stato dei luoghi. Ma a sei mesi dall’ordinanza nessuna azione è stata intrapresa dai responsabili per rimediare al loro operato. Inevitabile quindi, per i tre indagati, ricevere una nuova denuncia ai sensi del Testo unico ambientale. Il Comandante. Col. Giorgio Maria BORRELLI