Menu
Corriere Locride
“Reggio chiama Rio - fatti di musica Brasil Festival”: Hamilton de Holanda infiamma l’Arena

“Reggio chiama Rio - fatti di …

Si è chiusa con il tri...

Cittanova. Scuola di Recitazione della Calabria: al via le nuove audizioni

Cittanova. Scuola di Recitazio…

In cantiere l'ambizios...

Giovanni Tocci medaglia di bronzo ai campionati mondiali di tuffi a Budapest 2017

Giovanni Tocci medaglia di bro…

Giovanni Tocci, giovan...

Panchina Palmese, Ferraro prima scelta. Vertenze pagate ed il 21 Luglio la definitiva iscrizione

Panchina Palmese, Ferraro prim…

di Sigfrido Parrello -...

Genti di Calabria ed i Colori del Cielo. Appuntamento a Tuscania (VT) il 24 luglio per i lavori di Pino Bertelli e Francesco Mazza

Genti di Calabria ed i Colori …

Sarà presentato il pro...

Coldiretti: bene la legge sugli agrumeti caratteristici approvata dalla commissione agricoltura della camera

Coldiretti: bene la legge sugl…

In Calabria interessat...

Calcio, Serie D - Aventi diritto, chiuse le iscrizioni. Per adesso la Palmese c’è!

Calcio, Serie D - Aventi dirit…

di Sigfrido Parrello -...

Sant'Ilario dello Ionio: domenica prossima "Migrazioni"

Sant'Ilario dello Ionio: domen…

Domenica 16 luglio, al...

Calcio - L'AIA nazionale ufficializza le promozioni degli arbitri calabresi

Calcio - L'AIA nazionale uffic…

di Sigfrido Parrello -...

Siderno. Sabato 8 luglio, presentazione del libro di Fausta Ivaldi "Una vita esagerata"

Siderno. Sabato 8 luglio, pres…

SIDERNO - «A mia madre...

Prev Next

Reggio. Estirpato un bosco di castagno: una persona denunciata

  •   Redazione
Reggio. Estirpato un bosco di castagno: una persona denunciata

Reggio Calabria – Un bosco di castagno estirpato ed uno sbancamento di circa 3000 metri cubi di terra e rocce scoperti in un area sottoposta a vincolo paesaggistico ambientale. Una persona denunciata.

Un bosco di castagno distrutto, la costruzione di una grossa pista e lo sbancamento di terra e roccia per un volume di circa 3000 metri cubi, profondo in alcuni tratti più di due metri con la conseguente estirpazione di numerose ceppaie. Il tutto in una pregevole area sottoposta a vincolo idrogeologico e paesaggistico ambientale. Questo è lo scenario che si è presentato alla vista dei Carabinieri Forestali della Stazione di Reggio Calabria in località San Bruno, in agro della città capoluogo, durante una normale attività di controllo del territorio.

Le indagini avviate dai militari dell’Arma hanno permesso di risalire al proprietario dell’area boschiva, L.G. classe 1976, residente a Reggio Calabria, e di ricostruire l’iter amministrativo dei lavori, solo in apparenza provvisti di autorizzazione concessa dalla Regione Calabria.  Dall’analisi documentale è risultato infatti che il proprietario aveva presentato un progetto, approvato dagli Uffici Regionali competenti in materia di vincolo idrogeologico, limitatamente alla realizzazione di una fascia tagliafuoco lunga circa 1100 metri lungo il perimetro del lotto boschivo di proprietà. L’autorizzazione prevedeva però solo il taglio della vegetazione su una fascia ben delimitata di territorio, senza alcun movimento di terra nè, tantomeno, lo sbancamento per l’apertura di nuove piste di esbosco, opere queste le cui autorizzazioni, concesse peraltro solo in caso di concreta necessità, che richiedono un iter progettuale ed amministrativo più complesso.

Al fine di evitare l’ulteriore prosecuzione dello scempio ambientale, l’area dello sbancamento è stata posta sotto sequestro penale, già convalidato dall’Autorità Giudiziaria, mentre L.B., che è stato deferito in stato di libertà, dovrà rispondere di abuso edilizio e di violazione delle normative in materia di vincolo idrogeologico ed ambientale.

Per prevenire e reprimere i continui danni al territorio ed alla erosione dei beni ambientali, perpetrati spesso con lavori surrettiziamente giustificati da iter autorizzativi, il Gruppo Carabinieri Forestale di Reggio Calabria ha predisposto l’intensificazione dei controlli su tutto il territorio provinciale, confidando anche nella collaborazione dei cittadini che possono concretamente diventare sentinelle del territorio segnalando al 1515, numero di emergenza ambientale, ogni potenziale abuso.

Il Comandante.

Col. Giorgio Maria BORRELLI