Menu
Corriere Locride
La Palmese perde anche il ricorso di Nania così resta la penalizzazione di un punto. Ma che brutta situazione

La Palmese perde anche il rico…

di Sigfrido Parrello -...

Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Prev Next

Parco Nazionale d’Aspromonte. "Operazione Woodwardia": taglio indiscriminato di 689 piante di alto fusto

  •   Redazione
Parco Nazionale d’Aspromonte. "Operazione Woodwardia": taglio indiscriminato di 689 piante di alto fusto

Reggio Calabria (RC) 10 aprile 2017 –  Vasta operazione  portata a termine da personale della Stazione Carabinieri Forestali di Oppido Mamertina (RC) all’interno del Parco Nazionale dell’Aspromonte. Sei persone deferite all’Autorità Giudiziaria.

Dietro segnalazione di un privato cittadino, una pattuglia di Carabinieri  Forestali di Oppido M. unitamente a personale del Coordinamento Territoriale  Carabinieri per l’Ambiente di Reggio Calabria e di San Giorgio Morgeto ( competente per territorio), si è recata in località “Piani di Zomaro” del comune di Cittanova (RC), dove accertava la presenza di cinque persone intente a tagliare piante di faggio e a depezzarle.

Da una prima verifica effettuata sulle piante abbattute, i militari notavano che alcune ceppaie non erano state contrassegnate con martello forestale né numerate, mentre alcune risultavano contrassegnate con un martello forestale di un tecnico privato e numerate con vernice di colore rosso. Constatato quanto sopra, considerato che vi erano evidenti anomalie sul modo di condurre la lavorazione, i militari intimavano al titolare della ditta Azienda Agricola  WoodWardia di Zomaro: F.F. di anni 56 di Canolo (RC), presente sul posto , di sospendere i lavori ed esibire tutta la documentazione progettuale relativa al taglio del bosco in possesso; scoprendo in tal modo la mancanza delle autorizzazioni al taglio che dovevano essere rilasciate dagli Enti competenti .

Effettuando un accurato sopralluogo si è accertato l’abbattimento abusivo di n. 689 piante di alto fusto, di cui 646 di faggio, 16 di pino e  27 di abete rosso , piante secolari di particolare pregio.

Si è pertanto provveduto a deferire all’Autorità Giudiziaria, oltre al titolare della Ditta committente del taglio abusivo, l’agronomo forestale (titolare del martello forestale rilevato sulla specchiatura di alcune piante di alto fusto di faggio già abbattute), e quattro operai alle dipendenze della Ditta per i reati di deturpamento di bellezze naturali e violazione della normativa relativa alle Aree Protette.

Il Coordinamento Territoriale Carabinieri  per l’Ambiente di Reggio Calabria, con l’ausilio di tutte le Stazioni Carabinieri “Parco” da esso dipendenti, svolge una costante azione di controllo nell’Area Protetta finalizzata  alla tutela del patrimonio forestale e della ricca biodiversità dell’Aspromonte.

IL CAPO DEL COORDINAMENTO TERRITORIALE in S.V.

Mar. Aiut. S. U.P.S. MODAFFERI Vittorio