Menu
Corriere Locride
Siderno: le associazioni del borgo si mobilitano

Siderno: le associazioni del b…

«Massimo impegno dei C...

Furfaro e Zavettieri: «quali strategie per combattere la 'ndrangheta?!»

Furfaro e Zavettieri: «quali s…

«Da amministratori pub...

Sindacato in lutto si è spento a 67 anni Domenico Serranò: «Grande dirigente ma soprattutto grande Amico»

Sindacato in lutto si è spento…

«La Cisl Funzione Pubb...

Roccella. Domenica 17 febbraio si terrà un evento internazionale sul tema delle migrazioni e della solidarietà tra popoli

Roccella. Domenica 17 febbraio…

“Per un Mediterraneo d...

Regione Calabria. Operativi i tirocini per l'inserimento lavorativo di persone in condizioni di fragilità

Regione Calabria. Operativi i …

Adottato un altro prov...

Agricoltura: primo voto chiave del Parlamento UE sulla PAC

Agricoltura: primo voto chiave…

La Commissione per l’A...

Al Teatro Città di Locri il 16 febbraio in scena “La Malafesta” con Rino Marino e Fabrizio Ferracane

Al Teatro Città di Locri il 16…

«Una pièce di grande s...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. Il Direttivo dell’Associazione esprime apprezzamento per le dichiarazioni del Ministro per il Sud

“Basta Vittime Sulla Strada St…

«Nuova S.S.106: aspett...

Nota stampa Uil sulla "vicenda" Sorical

Nota stampa Uil sulla "vi…

Il clima venutosi a cr...

San Valentino, negli uffici postali di Reggio Calabria, Locri e Palmi le cartoline per gli innamorati

San Valentino, negli uffici po…

REGGIO CALABRIA, 5 feb...

Prev Next

Palmi. I finanzieri sequestrano beni per 4,7 milioni

  •   Redazione
Palmi. I finanzieri sequestrano beni per 4,7 milioni

Beni per 4,7 milioni di euro sono stati sottoposti a sequestro preventivo dai finanzieri della Compagnia di Palmi nell'ambito di un'inchiesta contro i componenti di un'organizzazione accusati di truffa aggravata ai danni dello Stato, falso, impiego di denaro di provenienza illecita e autoriciclaggio. Il gruppo era composto da 12 persone. I due promotori, secondo l'accusa, nella qualità di rappresentanti formali e, dopo, di titolari di fatto di due centri di assistenza fiscale e di associazioni sindacali - alcune con sede a Roma e Milano - avrebbero distratto per fini personali somme di denaro pubblico e privato (costituito dalle somme trattenute per legge dall'Inps agli iscritti a associazioni sindacali e poi riversate a quest'ultime, nonché dalle quote versate dagli associati) con transazioni finanziarie, mediante l'uso di conti correnti personali, delle società e di ulteriori enti associativi gestiti direttamente o indirettamente. Tra i beni c'è la società di calcio Palmese (serie D).