Menu
Corriere Locride
Bovalino. Sabato 29 settembre al Caffè Letterario Mario La Cava si terrà la Presentazione del romanzo "Il cielo comincia dal basso"

Bovalino. Sabato 29 settembre …

«Rosa Sirace è una che...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Prev Next

Operazione Terramara Closed: la Corte di Cassazione accoglie il ricorso di Antonio Rettura

  •   Redazione
Operazione Terramara Closed: la Corte di Cassazione accoglie il ricorso di Antonio Rettura

La Quinta sezione della Corte di Cassazione ha accolto il ricorso, presentato dagli avvocati Antonino Napoli ed Alessandro Gamberini, nell’interesse di Antonio Rettura accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso con il ruolo di partecipe e con il compito di dare ausilio al latitante Ernesto Fazzalari, considerato – fino alla data dell’arresto – il secondo latitante più pericoloso d’Italia dopo Matteo Messina Denaro, nel sottrarsi all'esecuzione di pena irrogata con la sentenza emessa dalla Corte d'Assise d'Appello di Reggio Calabria e coadiuvare il fratello Rettura Domenico negli spostamenti per fare visita al latitante e ricevere disposizioni, provvedendo alla prima fase del movimento utilizzando il proprio veicolo per accompagnare per brevi tragitti Rettura Domenico, in attesa che in venisse "preso in carico" da altre persone per poi giungere presso il luogo in cui aveva trovato rifugio Fazzalari.

Gli avvocati Gamberini e Napoli hanno contestato la logicità del provvedimento con cui il Tribunale della Libertà aveva confermato la massima misura cautelare nei confronti del loro assistito evidenziando che il giudice del riesame aveva mancato di considerare alcune circostanze, tutte evidenziate dalla difesa, che rendevano il tessuto argomentativo dell’accusa inficiato significativamente nei suoi presupposti.

L’equivocità della condotta e l’assenza di ogni prova in ordine a un ruolo consapevole non dovevano, per gli avvocati Napoli e Gamberini, consentire di motivare un provvedimento di cautela nei confronti del loro assistito.

La Corte di Cassazione accogliendo il ricorso dei difensori ha disposto l’annullamento con rinvio dell’ordinanza.