Menu
FanduCorriere Locride
Bovalino. Emergenza Covid19, nota stampa del Capogruppo di “Nuova Calabria”: «i Comuni mettano in campo tutte le strategie per fare emergere i bisogni delle famiglie»

Bovalino. Emergenza Covid19, n…

«L’emergenza Covid19 h...

Poste Italiane: lockdown, in provincia di Reggio Calabria volano l’e-commerce e i pagamenti digitali

Poste Italiane: lockdown, in p…

«Le consegne e-commerc...

Bovalino - Problematica rifiuti - Richiesta congiunta dei gruppi consiliari di convocazione di un Consiglio comunale aperto

Bovalino - Problematica rifiut…

Al Presidente del Con...

Anas: bando per l’assunzione di ingegneri strutturisti

Anas: bando per l’assunzione d…

«Il bando, che rispond...

Comune di Bovalino - Emergenza Covid19 - Richiesta attivazione tavolo tecnico per attività produttive e commerciali

Comune di Bovalino - Emergenza…

Al Sindaco del Comu...

Poste Italiane: prima nella top 100 mondiale dei Brand assicurativi

Poste Italiane: prima nella to…

«Il Gruppo guidato dal...

Sant'Ilario festeggia i 100 anni della signora Rosa. Gli auguri dell'amministrazione comunale

Sant'Ilario festeggia i 100 an…

Ha festeggiato 100 ann...

Roccella Jonica. Il Circolo PD scrive al Sindaco

Roccella Jonica. Il Circolo PD…

"Lettera aperta al sin...

Poste Italiane e Microsoft rafforzano la collaborazione per accelerare la ripresa dell’Italia

Poste Italiane e Microsoft raf…

«Lanciato un piano con...

Nota stampa di Cisl Fp: «il lavoro silente del pubblico impiego»

Nota stampa di Cisl Fp: «il la…

«Istituita una Task fo...

Prev Next

Operazione “Polo Solitario”: «Revocata la misura cautelare a Teresa Ammendola»

  •   Redazione
Nella foto l'avvocato Antonino Napoli Nella foto l'avvocato Antonino Napoli
Nell’ambito dell’”Operazione Polo Solitario” è stata revocata la misura dell’obbligo di presentazione giornaliero alla P.G. emessa dal GIP, dott. Alberto Romeo, nei confronti di Teresa Ammendola accusata perché, in qualità di dipendente del Poliambulatorio con la qualifica di infermiera professionale, avrebbe attestato falsamente e con modalità fraudolenta, la presenza in servizio in un orario in cui, invece, sarebbe stata assente.

In seguito all’interrogatorio di garanzia il GIP ha accolto la richiesta dell’avvocato Antonino Napoli il quale aveva evidenziato che, proprio grazie alle dichiarazioni dell’indagata, sarebbero venuti meno i gravi indizi di colpevolezza e che la stessa attività tecnica avrebbe dimostrato l’effettiva attività lavorativa della sua assistita, mai notata o ripresa fuori dalla struttura del Poliambulatorio in orario di servizio.

Il GIP, dott.ssa Anna Laura Ascioti, nonostante il parere contrario del P.M., dott. Giorgio Panucci, ha revocato la misura “attesa la modesta gravità della condotta ascritta all’indagata, e rilevato che le informazioni acquisite in sede di interrogatorio di garanzia hanno permesso di chiarire che gli addebiti sono, probabilmente, fondati su alcune discrepanze tra i dati registrati mediante l’utilizzo del badge e le risultanze dell’archivio cartaceo dei fogli di presenza”.

L’indagine che aveva portato, nei giorni scorsi, all’emissione di alcune ordinanze cautelari è stata condotta dalla compagnia della Guardia di Finanza di Palmi, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, diretta dal Dott. Ottavio Sferlazza, e, grazie all’ausilio di attività tecnica di intercettazione, riprese video, mirati servizi di osservazione, pedinamento e controllo e riscontri documentali, avrebbe consentito -secondo gli inquirenti- di individuare plurime e reiterate condotte fraudolente poste in essere da numerosi dipendenti dell’ASP di Reggio Calabria, in servizio presso il Polo Sanitario di Taurianova, i quali, pur facendo risultare la regolare presenza in servizio, erano soliti assentarsi dal posto di lavoro in maniera del tutto ingiustificata e sistematico.