Menu
Corriere Locride
Ardore: "Sulla strada in sicurezza", per i bambini della primaria sfilata di Carnevale dedicata all'educazione stradale

Ardore: "Sulla strada in …

Un "giovedì grasso" al...

Cresce l'attesa per il Carnevale dell'Area Grecanica a Brancaleone

Cresce l'attesa per il Carneva…

Consueto appuntamento ...

“Innocenti”, la Scuola di Recitazione della Calabria in scena giovedi 20 febbraio a Cittanova

“Innocenti”, la Scuola di Reci…

Andrà in scena giovedì...

Cinquefrondi. "Stato di degrado delle strade": Il Sindaco scrive alla Città Metropolitana di Reggio Calabria

Cinquefrondi. "Stato di d…

COMUNE DI CINQUEFRONDI...

Cinquefrondi. La fondazione Lanzino ed il Comune sottoscrivono protocollo di intesa. Il 22 febbraio presentazione del progetto

Cinquefrondi. La fondazione La…

In data odierna l'Am...

Nota stampa di Uil - Fp su: «emergenza carenza farmaci nella farmacia del Presidio Ospedaliero di Locri»

Nota stampa di Uil - Fp su: «e…

«Siamo venuti casualme...

Operazione “Polo Solitario”: «Revocata la misura cautelare a Teresa Ammendola»

Operazione “Polo Solitario”: «…

Nell’ambito dell’”Oper...

Siderno. Sabato 8 febbraio da MAG si presenta la raccolta poetica di Antonio Pileggi

Siderno. Sabato 8 febbraio da …

Sensazioni. Visioni. I...

Tre giorni contro le mafie a Vibo Valentia per la rinascita del Sud

Tre giorni contro le mafie a V…

«E’ una libera scelta,...

Bovalino. Ingresso libero per il match di domenica prossima Gallico - Catona

Bovalino. Ingresso libero per …

#NextMatch #Boval...

Prev Next

Operazione “Polo Solitario”: «Revocata la misura cautelare a Teresa Ammendola»

  •   Redazione
Nella foto l'avvocato Antonino Napoli Nella foto l'avvocato Antonino Napoli
Nell’ambito dell’”Operazione Polo Solitario” è stata revocata la misura dell’obbligo di presentazione giornaliero alla P.G. emessa dal GIP, dott. Alberto Romeo, nei confronti di Teresa Ammendola accusata perché, in qualità di dipendente del Poliambulatorio con la qualifica di infermiera professionale, avrebbe attestato falsamente e con modalità fraudolenta, la presenza in servizio in un orario in cui, invece, sarebbe stata assente.

In seguito all’interrogatorio di garanzia il GIP ha accolto la richiesta dell’avvocato Antonino Napoli il quale aveva evidenziato che, proprio grazie alle dichiarazioni dell’indagata, sarebbero venuti meno i gravi indizi di colpevolezza e che la stessa attività tecnica avrebbe dimostrato l’effettiva attività lavorativa della sua assistita, mai notata o ripresa fuori dalla struttura del Poliambulatorio in orario di servizio.

Il GIP, dott.ssa Anna Laura Ascioti, nonostante il parere contrario del P.M., dott. Giorgio Panucci, ha revocato la misura “attesa la modesta gravità della condotta ascritta all’indagata, e rilevato che le informazioni acquisite in sede di interrogatorio di garanzia hanno permesso di chiarire che gli addebiti sono, probabilmente, fondati su alcune discrepanze tra i dati registrati mediante l’utilizzo del badge e le risultanze dell’archivio cartaceo dei fogli di presenza”.

L’indagine che aveva portato, nei giorni scorsi, all’emissione di alcune ordinanze cautelari è stata condotta dalla compagnia della Guardia di Finanza di Palmi, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, diretta dal Dott. Ottavio Sferlazza, e, grazie all’ausilio di attività tecnica di intercettazione, riprese video, mirati servizi di osservazione, pedinamento e controllo e riscontri documentali, avrebbe consentito -secondo gli inquirenti- di individuare plurime e reiterate condotte fraudolente poste in essere da numerosi dipendenti dell’ASP di Reggio Calabria, in servizio presso il Polo Sanitario di Taurianova, i quali, pur facendo risultare la regolare presenza in servizio, erano soliti assentarsi dal posto di lavoro in maniera del tutto ingiustificata e sistematico.