Menu
Corriere Locride
Ancora un evento internazionale a Cosenza: Noa e la sua band in concerto il 6 aprile al teatro Rendano

Ancora un evento internazional…

Sarà anche premiata pe...

Il Polo Museale della Calabria ha partecipato con successo alla quarta edizione di TourismA

Il Polo Museale della Calabria…

TOURISMA 2018 – Salone...

Regione. Musmanno: "Nessuna cancellazione dei treni regionali 3692 e 3694"

Regione. Musmanno: "Nessu…

"I treni regionali n. ...

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24 febbraio il Teatro della Girandola presenta lo Spettacolo “In bocca al lupo”

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24…

Il Teatro della Girand...

Siderno. Sinistra Italiana: «Città Giardino a basso costo. L’amministrazione Fuda ha mantenuto la parola»

Siderno. Sinistra Italiana: «C…

Riceviamo e pubblichia...

Taurianova. Oggi il Comune compie novant’anni dalla sua istituzione

Taurianova. Oggi il Comune com…

I comuni di Radicena, ...

Regione Calabria. Fondi post 2020: partecipa alla consultazione online

Regione Calabria. Fondi post 2…

La Commissione europea...

Reggio. Sabato 17 Febbraio si terrà il secondo incontro formativo per parlare del progetto: “Non c’è Libertà senza Legalità”

Reggio. Sabato 17 Febbraio si …

Il Progetto “NON C’E’ ...

Regione Calabria. Approvato testo di legge "interventi per il sistema del cinema e dell'audiovisivo"

Regione Calabria. Approvato te…

Con l’approvazione del...

Taurianova. Tutto pronto per l’edizione 2018 del Carnevale Taurianovese

Taurianova. Tutto pronto per l…

La cittadina della Pia...

Prev Next

'Ndrangheta, Monasterace: Arrestati nella notte 14 esponenti della cosca "Ruga-Gallace-Leuzzi"

  •   Redazione
'Ndrangheta, Monasterace: Arrestati nella notte 14 esponenti della cosca "Ruga-Gallace-Leuzzi"

Alle prime luci dell’alba di oggi, 20 ottobre 2016, nella provincia di Reggio Calabria - in particolare nell’area dell’alto Jonio Reggino - nella provincia di Catanzaro, Roma e Firenze, i Carabinieri del Gruppo di Locri, con l’ausilio di tutte le articolazioni territoriali dipendenti, dell’8° Nucleo Elicotteri Carabinieri, dello Squadrone Carabinieri Eliportato Cacciatori “Calabria” nonché del Nucleo Cinofili di Vibo Valentia,su ordine della Procura della Repubblica - D.D.A.- presso il Tribunale di Reggio Calabria, hanno tratto in  arresto 14 persone, in esecuzione di una Ordinanza di applicazione di Misure Cautelari e contestuale decreto di sequestro preventivo di un’attività commerciale. I provvedimenti sono stati emessi a seguito dell’attività condotta dai militari del Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Locri dal mese di gennaio 2011 al mese di marzo 2016. Le persone destinatarie del provvedimento cautelare sono ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, omicidio, danneggiamento, rapina, estorsione, detenzione e porto illegale di armi, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Nella circostanza sono state, altresì, effettuate numerose perquisizioni personali e domiciliari nei confronti degli stessi indagati.

Le indagini, condotte dai militari del Nucleo Investigativo del Gruppo di Locri (RC), sono state avviate a seguito della brutale uccisione di RUGA Andrea, avvenuto a Monasterace il 13 gennaio del 2011, nonché a seguito di numerosi altri fatti delittuosi verificatisi in quel centro, tra i quali spiccano: l’incendio che ha distrutto la farmacia “Mazzone”, avvenuto il 26 giugno 2011 (esercizio di proprietà dell’allora Sindaco di Monasterace Dott.ssa Maria Carmela Lanzetta, poi divenuta Ministro della Repubblica per gli Affari Regionale e le Autonomie Locali, dal febbraio 2014 al marzo 2015); l’esplosione di diversi colpi di arma da fuoco all’indirizzo della vettura di proprietà ed in uso alla sopra citata amministratrice pubblica, avvenuta in data 29 marzo 2012.

L’impegno investigativo, che si è concluso con l’odierna operazione di polizia, è stato  volto ad accertare l’attuale composizione organica della cosca criminale operante in Monasterace, denominata “RUGA-GALLACE-LEUZZI”, ad individuare il mandante dell’omicidio di RUGA Andrea e chi avrebbe assunto le redini del comando dell’omonima cosca all’indomani dell’omicidio stesso, nonché a fare emergere la violenza criminale del sodalizio ed il grado di assoggettamento/sottomissione in cui si trovava a vivere la gente del posto. Diversi anche i casi di danneggiamento, estorsione e favoreggiamento disvelati dalla complessa ed articolata attività di indagine condotta dai Carabinieri che ha portato agli arresti odierni.