Menu
Corriere Locride
Viola Basket. Monastero: "Contenti della squadra che abbiamo allestito, siamo pronti per la nuova stagione"

Viola Basket. Monastero: …

Il Presidente della Me...

“Basta Vittime Sulla 106”. Siglata oggi la convenzione che permette all'Associazione di tutelare meglio i diritti dei cittadini

“Basta Vittime Sulla 106”. Sig…

Pronti ad azioni legal...

Cittanova: Virginia Raffaele inaugura la 15a Stagione Teatrale

Cittanova: Virginia Raffaele i…

Sarà Virginia Raf...

Calciomercato di Serie D - La Palmese prende il centravanti Orlando

Calciomercato di Serie D - La …

di Sigfrido Parr...

Calcio, Serie D: la gara Paceco-Palmese arbitra Arena di Torre del Greco

Calcio, Serie D: la gara Pacec…

di Sigfrido Parrello -...

Bovalino. Caffè Letterario Mario La Cava: Sabato 16 settembre apertura della stagione 2017 – 2018

Bovalino. Caffè Letterario Mar…

Inaugurerà la nuova st...

Messaggio del Vescovo di Locri-Gerace agli studenti per il nuovo anno scolastico

Messaggio del Vescovo di Locri…

Caro studente, No, no...

Locri. Oggi giornata di sciopero e presidio dei lavoratori Call&Call Lokroi

Locri. Oggi giornata di sciope…

Le segreterie regional...

Gravi problemi della sanità nelle aree disagiate, il CISADeP chiede un incontro al Ministero della Salute

Gravi problemi della sanità ne…

Il Coordinamento Itali...

Bovalino: Mercoledí 13 settembre commemorazione del 27' anniversario dell'assassinio del Brig. Marino

Bovalino: Mercoledí 13 settemb…

Alle ore 10.30 del 13 ...

Prev Next

Locri. Arrestato pregiudicato: dovrà scontare 2 anni e 3 mesi per associazione mafiosa

  •   Redazione
Locri. Arrestato pregiudicato: dovrà scontare 2 anni e 3 mesi per associazione mafiosa
I Carabinieri della Stazione di Locri hanno tratto in arresto CATALDO Vincenzo, 41enne del posto, già noto alle FF.OO., in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della repubblica presso il Tribunale di Torino. Lo stesso, riconosciuto colpevole del reato di associazione di tipo mafioso, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Reggio Calabria dove dovrà scontare la pena di 2 anni e 3 mesi di reclusione. La condanna è stata emessa dell’Autorità Giudiziaria di Torino nell’ambito dell’operazione “Esilio”, le cui indagini sono partite dalle rivelazioni di un pentito che aveva parlato rivelato l’esistenza di una “locale” di‘ndrangheta attiva a Giaveno (TO). Secondo le investigazioni, questa cellula della malavita calabrese sarebbe stata attiva almeno dal 2007 salvo poi venire “sospesa” dalla metà del 2008 per alcuni problemi interni. Estorsioni, armi e traffico di droga, soprattutto hashish le attività principali.