Menu
Corriere Locride
Calabria, Anas: senso unico alternato per l’installazione delle barriere di sicurezza sulla strada statale 682 ‘Ionio Tirreno’ nel comune di Cinquefrondi (RC)

Calabria, Anas: senso unico al…

Anas comunica che, per...

Uil: «La Regione Calabria azzeri gli sprechi e si doti di un bilancio rivolto al sociale»

Uil: «La Regione Calabria azze…

Semplificare, rendere ...

Coldiretti: il Presidente Oliverio la "Ristorazione a Km zero" alla Cittadella Regionale con Campagna Amica è un esempio virtuoso

Coldiretti: il Presidente Oliv…

Molinaro: PECCO luogo ...

Coldiretti Calabria. Domani l'inaugurazione di PECCO: servizio Ristorazione alla Cittadella Regionale con i prodotti di Campagna Amica - Coldiretti

Coldiretti Calabria. Domani l'…

Molinaro: Scelta ...

Straordinario successo per il I° Slalom automobilistico Città di San Roberto, trionfano il giovanissimo Rechichi ed il territorio

Straordinario successo per il …

Tutto esaurito per il ...

Ingresso vietato ai disabili allo stadio Ezio Scida: L'Associazione Adda replica alla nota del "FC Crotone"

Ingresso vietato ai disabili a…

L’Associazione Adda, i...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: Stigmatizzare ogni forma di diffamazione a mezzo Facebook

“Basta Vittime Sulla Strada St…

I legati Cornicello e ...

Diocesi Locri-Gerace. Raduno dei Cori Parrocchiali: Lettera del Vescovo e Programma

Diocesi Locri-Gerace. Raduno d…

«E' bello cantare al S...

Nota del Partito Comunista Calabria su: "criminalità e prove palliative di Zes al porto di Gioia Tauro"

Nota del Partito Comunista Cal…

«Si torna nuovamente a...

Francesco Russo nuovo vice presidente della Giunta regionale

Francesco Russo nuovo vice pre…

L'attuale assessore ...

Prev Next

Locri. Arrestato pregiudicato: dovrà scontare 2 anni e 3 mesi per associazione mafiosa

  •   Redazione
Locri. Arrestato pregiudicato: dovrà scontare 2 anni e 3 mesi per associazione mafiosa
I Carabinieri della Stazione di Locri hanno tratto in arresto CATALDO Vincenzo, 41enne del posto, già noto alle FF.OO., in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della repubblica presso il Tribunale di Torino. Lo stesso, riconosciuto colpevole del reato di associazione di tipo mafioso, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Reggio Calabria dove dovrà scontare la pena di 2 anni e 3 mesi di reclusione. La condanna è stata emessa dell’Autorità Giudiziaria di Torino nell’ambito dell’operazione “Esilio”, le cui indagini sono partite dalle rivelazioni di un pentito che aveva parlato rivelato l’esistenza di una “locale” di‘ndrangheta attiva a Giaveno (TO). Secondo le investigazioni, questa cellula della malavita calabrese sarebbe stata attiva almeno dal 2007 salvo poi venire “sospesa” dalla metà del 2008 per alcuni problemi interni. Estorsioni, armi e traffico di droga, soprattutto hashish le attività principali.