Menu
Corriere Locride
Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Reggio. Teatro della Girandola, Terza stagione della rassegna “Approdi”: Cartellone teatrale 2017

Reggio. Teatro della Girandola…

Il Teatro della Girand...

Taurianova. Precisazione dell'Amministrazione sull’Avviso pubblico per la selezione e la formazione di “Operatori per la corretta gestione dei rifiuti”

Taurianova. Precisazione dell'…

TAURIANOVA – Alla luce...

Prev Next

Gioia Tauro. Sequestrati due quintali di cocaina dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria

  •   Redazione
Gioia Tauro. Sequestrati due quintali di cocaina dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria

220 chili di cocaina purissima sono stati sequestrati nel porto di Gioia Tauro dagli uomini del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e dai funzionari dell'Agenzia delle Dogane - Ufficio Antifrode, con il coordinamento della Dda reggina.
La droga è stata individuata all'interno di due distinti container provenienti dal porto brasiliano di Santos, uno individuato dai finanzieri e contenente cellulosa e destinato a Napoli e l'altro, sul quale era giunta una specifica segnalazione del Ministero dell'Interno - Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, che trasportava bobine d'acciaio ed era diretto a Ploce, in Croazia.
Attraverso una serie di incroci documentali e di controlli con apparecchiature scanner è stata trovata la cocaina contenuta in vari borsoni e suddivisa in 200 panetti, per un totale di 220 chili. Messa sul mercato la sostanza stupefacente avrebbe fruttato circa 44 milioni di euro.