Menu
Corriere Locride
Musica. "Chitarrese": il nuovo brano di Francesco Loccisano

Musica. "Chitarrese"…

Diciotto chili di cord...

Viola Basket. Monastero: "Contenti della squadra che abbiamo allestito, siamo pronti per la nuova stagione"

Viola Basket. Monastero: …

Il Presidente della Me...

“Basta Vittime Sulla 106”. Siglata oggi la convenzione che permette all'Associazione di tutelare meglio i diritti dei cittadini

“Basta Vittime Sulla 106”. Sig…

Pronti ad azioni legal...

Cittanova: Virginia Raffaele inaugura la 15a Stagione Teatrale

Cittanova: Virginia Raffaele i…

Sarà Virginia Raf...

Calciomercato di Serie D - La Palmese prende il centravanti Orlando

Calciomercato di Serie D - La …

di Sigfrido Parr...

Calcio, Serie D: la gara Paceco-Palmese arbitra Arena di Torre del Greco

Calcio, Serie D: la gara Pacec…

di Sigfrido Parrello -...

Bovalino. Caffè Letterario Mario La Cava: Sabato 16 settembre apertura della stagione 2017 – 2018

Bovalino. Caffè Letterario Mar…

Inaugurerà la nuova st...

Messaggio del Vescovo di Locri-Gerace agli studenti per il nuovo anno scolastico

Messaggio del Vescovo di Locri…

Caro studente, No, no...

Locri. Oggi giornata di sciopero e presidio dei lavoratori Call&Call Lokroi

Locri. Oggi giornata di sciope…

Le segreterie regional...

Gravi problemi della sanità nelle aree disagiate, il CISADeP chiede un incontro al Ministero della Salute

Gravi problemi della sanità ne…

Il Coordinamento Itali...

Prev Next

Gioia Tauro. Sequestrati 218 kg di cocaina provenienti dal Sudamerica

  •   Redazione
Gioia Tauro. Sequestrati 218 kg di cocaina provenienti dal Sudamerica

(ANSA) - GIOIA TAURO (REGGIO CALABRIA), 9 SET - Duecentodiciotto chili di cocaina sono stati scoperti e sequestrati nel porto di Gioia Tauro dagli uomini del Comando provinciale dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria e dai funzionari dell'Agenzia delle Dogane - Ufficio Antifrode di Gioia Tauro.
La droga, allo scopo di eludere i controlli, era stata nascosta in due diversi container con spezie e caffè in sacchi, caricati rispettivamente in Guatemala e nel Costarica e destinati ad Alessandria d'Egitto ed in Sicilia. Anche in questo caso il sistema utilizzato è stato quello del cosiddetto "rip off", consistente nel riporre immediatamente dietro i portelloni dei container, borsoni o trolley da viaggio contenenti i panetti di coca, in modo da poter essere agevolmente prelevati dai trafficanti durante la sosta delle merci nelle aree portuali. La cocaina sequestrata, se messa in commercio avrebbe fruttato oltre 43 milioni di euro.