Menu
Corriere Locride
“Reggio chiama Rio - fatti di musica Brasil Festival”: Hamilton de Holanda infiamma l’Arena

“Reggio chiama Rio - fatti di …

Si è chiusa con il tri...

Cittanova. Scuola di Recitazione della Calabria: al via le nuove audizioni

Cittanova. Scuola di Recitazio…

In cantiere l'ambizios...

Giovanni Tocci medaglia di bronzo ai campionati mondiali di tuffi a Budapest 2017

Giovanni Tocci medaglia di bro…

Giovanni Tocci, giovan...

Panchina Palmese, Ferraro prima scelta. Vertenze pagate ed il 21 Luglio la definitiva iscrizione

Panchina Palmese, Ferraro prim…

di Sigfrido Parrello -...

Genti di Calabria ed i Colori del Cielo. Appuntamento a Tuscania (VT) il 24 luglio per i lavori di Pino Bertelli e Francesco Mazza

Genti di Calabria ed i Colori …

Sarà presentato il pro...

Coldiretti: bene la legge sugli agrumeti caratteristici approvata dalla commissione agricoltura della camera

Coldiretti: bene la legge sugl…

In Calabria interessat...

Calcio, Serie D - Aventi diritto, chiuse le iscrizioni. Per adesso la Palmese c’è!

Calcio, Serie D - Aventi dirit…

di Sigfrido Parrello -...

Sant'Ilario dello Ionio: domenica prossima "Migrazioni"

Sant'Ilario dello Ionio: domen…

Domenica 16 luglio, al...

Calcio - L'AIA nazionale ufficializza le promozioni degli arbitri calabresi

Calcio - L'AIA nazionale uffic…

di Sigfrido Parrello -...

Siderno. Sabato 8 luglio, presentazione del libro di Fausta Ivaldi "Una vita esagerata"

Siderno. Sabato 8 luglio, pres…

SIDERNO - «A mia madre...

Prev Next

Bagaladi. Rubavano pigne all'interno del Parco: 4 persone denunciate

  •   Redazione
Bagaladi. Rubavano pigne all'interno del Parco: 4 persone denunciate
Bagaladi (RC) 12 aprile 2017 – Operazione portata a termine da personale della Stazione Carabinieri Forestali di Bagaladi (RC) all’interno del Parco Nazionale dell’Aspromonte. Quattro persone deferite all’Autorità Giudiziaria. Nell’espletamento di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati ambientali, predisposto dal Coordinamento Territoriale Carabinieri per l’Ambiente del Parco Nazionale dell’Aspromonte, i militari della Stazione di Bagaladi giunti in località “ Scorciapelle” in agro del comune di San Lorenzo (RC), notavano, ai margini della carreggiata, n. 8 sacchi in plastica colmi di pigne fresche da poco asportate dalla piante. Mentre la pattuglia effettuava i predetti accertamenti , dalla parte opposta della strada giungeva un automezzo cassonato Land Rover con quattro persone a bordo. Il personale operante intimava l’Alt al mezzo , procedeva all’identificazione dei soggetti e all’ispezione del mezzo, notando all’interno nr. 23 sacchi contenenti pigne di pino domestico ( Pinus pinea), una scala in metallo e due aste uncinate, utilizzate per l’asportazione degli strobili come dichiarato dai soggetti fermati che asserivano di essere proprietari anche dei sacchi rinvenuti lungo la carreggiata. Si procedeva pertanto a chiedere l’esibizione delle autorizzazioni necessarie per l’asportazione e la raccolta delle pigne, constando che il soggetto dichiarava di essere in possesso dell’autorizzazione limitatamente al Comune di Montebello Ionico , mentre dalla georeferenziazione eseguita si accertava che la zona interessata era di proprietà della Regione Calabria, sottopasta a vincolo paesaggistico – ambientale. Si fa presente che la raccolta manuale e meccanica delle pigne di pino domestico è sottoposta ad autorizzazione da parte del proprietario o soggetto gestore della pineta o delle piante. Le modalità di raccolta del seme devono avvenire in modo da non compromettere la rinnovazione del soprassuolo forestale e devono essere effettuare, da terra o direttamente sulla pianta mediante utilizzo di apposite attrezzature garantendo l’integrità della pianta, regolamentando anche la quantità massima, l’epoca e l’età di raccolta dei semi. Pertanto, essendo emerse responsabilità penali a carico dei soggetti identificati, in quanto in concorso tra loro, asportavano abusivamente pigne di pino domestico, si è proceduto al deferimento all’autorità giudiziaria dei quattro soggetti per i reati di furto aggravato e al sequestro dell’automezzo e del materiale rinvenuto. Inoltre, a seguito di ulteriore controllo dei documenti si è accertato che uno dei soggetti, X.M risulta irregolare sul territorio nazionale. Si precisa inoltre che la raccolta abusiva di pigne alimenta un vero e proprio mercato nero, rappresentando un serio deturpamento del bosco. Infatti, come nel caso di specie, i frutti sono stati raccolti direttamente dagli alberi, provocando una riduzione della naturale propagazione. IL CAPO DEL COORDINAMENTO TERRITORIALE in s.v. Mar. Aiut. S. U.P.S. MODAFFERI Vittorio