Menu
Corriere Locride
Parco Aspromonte, l’appello del Presidente Bombino ai candidati

Parco Aspromonte, l’appello de…

“E’ necessario che i f...

Contratto scuola, bonus 80 euro salvaguardato per le fasce più deboli

Contratto scuola, bonus 80 eur…

Grazie a legge di bila...

Ancora un evento internazionale a Cosenza: Noa e la sua band in concerto il 6 aprile al teatro Rendano

Ancora un evento internazional…

Sarà anche premiata pe...

Il Polo Museale della Calabria ha partecipato con successo alla quarta edizione di TourismA

Il Polo Museale della Calabria…

TOURISMA 2018 – Salone...

Regione. Musmanno: "Nessuna cancellazione dei treni regionali 3692 e 3694"

Regione. Musmanno: "Nessu…

"I treni regionali n. ...

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24 febbraio il Teatro della Girandola presenta lo Spettacolo “In bocca al lupo”

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24…

Il Teatro della Girand...

Siderno. Sinistra Italiana: «Città Giardino a basso costo. L’amministrazione Fuda ha mantenuto la parola»

Siderno. Sinistra Italiana: «C…

Riceviamo e pubblichia...

Taurianova. Oggi il Comune compie novant’anni dalla sua istituzione

Taurianova. Oggi il Comune com…

I comuni di Radicena, ...

Regione Calabria. Fondi post 2020: partecipa alla consultazione online

Regione Calabria. Fondi post 2…

La Commissione europea...

Reggio. Sabato 17 Febbraio si terrà il secondo incontro formativo per parlare del progetto: “Non c’è Libertà senza Legalità”

Reggio. Sabato 17 Febbraio si …

Il Progetto “NON C’E’ ...

Prev Next

Assolti per non aver commesso il fatto i medici del reparto di chirurgia dell'ospedale di Gioia Tauro

  •   Redazione
Assolti per non aver commesso il fatto i medici del reparto di chirurgia dell'ospedale di Gioia Tauro

La vicenda riguarda il decesso di Sgrò Domenico di Varapodio nel marzo del 2010. Il Giudice del Tribunale di Palmi, dott. C. A. Indellicati, in totale accoglimento delle  richieste avanzate dagli avvocati Pasquale Loiacono, Franco Bagnoli, Salvatore Attinà e Roberta Coriani, ha emesso una sentenza di assoluzione "per non aver commesso il
fatto"  nei confronti dei dottori Giuseppe Capo, Luigi Napoli, Domenico Giannetta e Antonino Di Certo, tutti in servizio all'epoca dei
fatti che si sono verificati nel marzo del 2010 presso l'Unità Operativa di Chirurgia dell'Ospedale di Gioia Tauro. I medici erano accusati di omicidio colposo in seguito alla morte del sig. Sgrò Domenico di Varapodio, deceduto presso l'ospedale di Cosenza in data 16 marzo 2010 ove era stato trasferito dal nosocomio di Gioia Tauro dopo che le sue condizioni si erano complicate. L'attività di indagine prendeva il via dalla querela presentata dai familiari dello Sgrò i quali asserivano che i medici dell'ospedale di Gioia Tauro avevano agito con imperizia, omettendo di praticare degli importanti esami. Durante il processo sono stati escussi diversi testimoni, tra i quali
i periti delle parti e dell'Ufficio di Procura, che su domande dei difensori hanno escluso ogni forma di responsabilità medica nell'operato di tutti i medici. Al termine della discussione, il Pubblico ministero ha avanzato richiesta di assoluzione per non aver commesso il fatto; i difensori degli imputati hanno depositato corpose memorie difensive ove hanno concluso per la sentenza di assoluzione con formula ampia.  Ed è proprio in accoglimento delle argomentazioni difensive che il Tribunale  ha emesso una sentenza di assoluzione nei confronti dei medici dell'ospedale di Gioia Tauro con la formula "per non aver commesso il fatto".