Menu
Corriere Locride
Calabria, Anas: senso unico alternato per l’installazione delle barriere di sicurezza sulla strada statale 682 ‘Ionio Tirreno’ nel comune di Cinquefrondi (RC)

Calabria, Anas: senso unico al…

Anas comunica che, per...

Uil: «La Regione Calabria azzeri gli sprechi e si doti di un bilancio rivolto al sociale»

Uil: «La Regione Calabria azze…

Semplificare, rendere ...

Coldiretti: il Presidente Oliverio la "Ristorazione a Km zero" alla Cittadella Regionale con Campagna Amica è un esempio virtuoso

Coldiretti: il Presidente Oliv…

Molinaro: PECCO luogo ...

Coldiretti Calabria. Domani l'inaugurazione di PECCO: servizio Ristorazione alla Cittadella Regionale con i prodotti di Campagna Amica - Coldiretti

Coldiretti Calabria. Domani l'…

Molinaro: Scelta ...

Straordinario successo per il I° Slalom automobilistico Città di San Roberto, trionfano il giovanissimo Rechichi ed il territorio

Straordinario successo per il …

Tutto esaurito per il ...

Ingresso vietato ai disabili allo stadio Ezio Scida: L'Associazione Adda replica alla nota del "FC Crotone"

Ingresso vietato ai disabili a…

L’Associazione Adda, i...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: Stigmatizzare ogni forma di diffamazione a mezzo Facebook

“Basta Vittime Sulla Strada St…

I legati Cornicello e ...

Diocesi Locri-Gerace. Raduno dei Cori Parrocchiali: Lettera del Vescovo e Programma

Diocesi Locri-Gerace. Raduno d…

«E' bello cantare al S...

Nota del Partito Comunista Calabria su: "criminalità e prove palliative di Zes al porto di Gioia Tauro"

Nota del Partito Comunista Cal…

«Si torna nuovamente a...

Francesco Russo nuovo vice presidente della Giunta regionale

Francesco Russo nuovo vice pre…

L'attuale assessore ...

Prev Next

Aosta. Sequestro di beni ad un pregiudicato di origine Calabrese

  •   Redazione
Aosta. Sequestro di beni ad un pregiudicato di origine Calabrese

(ANSA) - AOSTA, 13 MAR - L'agenzia nazionale dei beni confiscati alla criminalità organizzata è entrata in possesso dei due appartamenti di Quart, con autorimesse e terreni, confiscati a Giuseppe Nirta, 64 anni, e ai suoi familiari. In mattinata si è svolto lo sfratto, con i Nirta che hanno consegnato spontaneamente le chiavi degli immobili, e la successiva sostituzione delle serrature. Spetta alla stessa agenzia deciderne la destinazione. La confisca era diventata definitiva con una sentenza della Cassazione, nel marzo 2015, ed era stata chiesta dalla procura di Torino secondo cui quei beni sono frutto dei proventi di "attività illecite". Per i Nirta invece sono il frutto del "lavoro di una vita". Giuseppe Nirta aveva scontato una condanna a sette anni e otto mesi di carcere per narcotraffico internazionale. Gli inquirenti avevano chiesto il sequestro, complessivamente, di 16 immobili e 933.000 franchi svizzeri.