Menu
Corriere Locride
Regione Calabria. Bando finalizzato al sostegno di studenti con fragilità

Regione Calabria. Bando finali…

Un bando finalizzato a...

Reggio. Al via la prevendita per il colossal “Francesco de Paula l’opera”, in prima assoluta il 24 e 25 novembre al Palacalafiore

Reggio. Al via la prevendita p…

Il nuovo allestimento ...

Gioia Tauro. Il Mit avvia un percorso di lavoro su problematiche del porto: OO.SS. sospendono sciopero

Gioia Tauro. Il Mit avvia un p…

19 aprile 2017 - ...

Polo Museale della Calabria, festività 25 aprile 2017: apertura musei, monumenti e aree archeologiche

Polo Museale della Calabria, f…

Il Polo Museale della ...

Roccella Jonica (RC): 13 e 14 maggio master class di chitarra battente con Francesco Loccisano

Roccella Jonica (RC): 13 e 14 …

Il 13 e il 14 maggio, ...

Mammola (RC): sabato 6 e domenica 7 maggio il Corso di Scrittura Creativa Emozionale

Mammola (RC): sabato 6 e domen…

"Scrittura Creativa Em...

Ambiente. Da metà luglio a fine agosto un "ciclo viaggio" istituzionale per il rilancio del patrimonio ambientale dell’Appennino

Ambiente. Da metà luglio a fin…

Da metà luglio a fine ...

Vinitaly, premio "Golosario" alla 'nduja di Romano e al torrone di Bagnara

Vinitaly, premio "Golosar…

Durante la giornata co...

Locri. Lo Sporting cambia look

Locri. Lo Sporting cambia look

Lo Sporting Locri camb...

Arezzo Wave 2017. A Cosenza le selezioni regionali

Arezzo Wave 2017. A Cosenza le…

Primi appuntamenti in ...

Prev Next

Aosta. Sequestro di beni ad un pregiudicato di origine Calabrese

  •   Redazione
Aosta. Sequestro di beni ad un pregiudicato di origine Calabrese

(ANSA) - AOSTA, 13 MAR - L'agenzia nazionale dei beni confiscati alla criminalità organizzata è entrata in possesso dei due appartamenti di Quart, con autorimesse e terreni, confiscati a Giuseppe Nirta, 64 anni, e ai suoi familiari. In mattinata si è svolto lo sfratto, con i Nirta che hanno consegnato spontaneamente le chiavi degli immobili, e la successiva sostituzione delle serrature. Spetta alla stessa agenzia deciderne la destinazione. La confisca era diventata definitiva con una sentenza della Cassazione, nel marzo 2015, ed era stata chiesta dalla procura di Torino secondo cui quei beni sono frutto dei proventi di "attività illecite". Per i Nirta invece sono il frutto del "lavoro di una vita". Giuseppe Nirta aveva scontato una condanna a sette anni e otto mesi di carcere per narcotraffico internazionale. Gli inquirenti avevano chiesto il sequestro, complessivamente, di 16 immobili e 933.000 franchi svizzeri.


Bovalino

Locri

Gerace

Siderno

Marina di Gioiosa Jonica

Gioiosa Jonica

Roccella Jonica

Caulonia

Monasterace

Stilo

Ardore

Benestare

Bianco

Brancaleone

Casignana

San Luca

Platí

Africo

Staiti

Bruzzano Zeffirio

Ferruzzano

Samo

Grotteria

Palizzi

Mammola

Riace

Sant'Ilario dello Jonio

Careri

Antonimina

Sant'Agata del Bianco

Caraffa del Bianco

Bivongi

Portigliola

Pazzano

Placanica

Camini

Stignano

Canolo

San Giovanni di Gerace

Agnana Calabra

Ciminá

Martone