Menu
Corriere Locride
Villa San Giovanni. Dal 27 settembre al 1 ottobre la 35° edizione di Expo Sposi & Casa

Villa San Giovanni. Dal 27 set…

Sempre più grande, sem...

Il 25 settembre si presenta l’avviso per la formazione al personale socio-sanitario nell’ambito del Piano per il contrasto alla violenza alle donne

Il 25 settembre si presenta l’…

COMUNICATO STAMPA -&nb...

Reggio Calabria. “Francesco de Paula l’Opera” in prima assoluta il 24 e 25 novembre al Palacalafiore

Reggio Calabria. “Francesco de…

COMUNICATO STAMPA - Do...

Settembre Rendese. Nestore Verre in concerto al Castello

Settembre Rendese. Nestore Ver…

Martedì 26 settembre a...

Musica. "Chitarrese": il nuovo brano di Francesco Loccisano

Musica. "Chitarrese"…

Diciotto chili di cord...

Viola Basket. Monastero: "Contenti della squadra che abbiamo allestito, siamo pronti per la nuova stagione"

Viola Basket. Monastero: …

Il Presidente della Me...

“Basta Vittime Sulla 106”. Siglata oggi la convenzione che permette all'Associazione di tutelare meglio i diritti dei cittadini

“Basta Vittime Sulla 106”. Sig…

Pronti ad azioni legal...

Cittanova: Virginia Raffaele inaugura la 15a Stagione Teatrale

Cittanova: Virginia Raffaele i…

Sarà Virginia Raf...

Calciomercato di Serie D - La Palmese prende il centravanti Orlando

Calciomercato di Serie D - La …

di Sigfrido Parr...

Calcio, Serie D: la gara Paceco-Palmese arbitra Arena di Torre del Greco

Calcio, Serie D: la gara Pacec…

di Sigfrido Parrello -...

Prev Next

Caulonia. Due arresti per traffico di droga e porto illegale di armi

Nelle prime ore della mattinata odierna, in Caulonia, Serra San Bruno, Carate Brianza e Brugherio, i Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Roccella Jonica, collaborati in fase esecutiva da personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria” e Compagnie competenti territorialmente, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Locri, Dott. Mario La Rosa, su richiesta della Locale Procura della Repubblica, traendo in arresto 2 soggetti destinatari di o.c.c.c. e sottoponendone 8 alla misura dell’obbligo di presentazione alla P.G., ritenuti responsabili a vario titolo di concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti nonché detenzione, cessione e porto illegale di armi comuni da sparo e munizioni e danneggiamento seguito da incendio.

L’operazione è stata convenzionalmente denominata “Geocaching”, dal nome di un gioco di origini statunitensi in cui i partecipanti mediante un punto GPS devono ritrovare una cassetta ove appongono un proprio segno distintivo. Al riguardo, infatti, in più circostanze,  i riscontri sul territorio sono stati compiuti mediante la localizzazione effettuata tramite i GPS installati sulle autovetture ambientalizzate che hanno permesso, anche nelle zone più impervie dell’agro cauloniese, l’individuazione dei nascondigli ed il rinvenimento di droga e armi abilmente occultate.

In particolare, con tale modalità di ricerca, sono stati rinvenuti e sequestrati:  

-il 22 agosto 2016, in Contrada Bruschiato, agro del Comune di Caulonia, celata tra la vegetazione, una busta in plastica contenente 1 pistola cal.22 marca “Llama Especial” ed una munizione del  medesimo calibro, 60 gr. di “hashish” e 25 gr. di “marijuana”;

-il 12 agosto 2016, in Caulonia, via Baglio, abilmente occultata tra le intercapedini di un muro perimetrale 160 gr di “hashish”. 

Le indagini, durate circa un anno e coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Locri Dott.sa Rosanna Sgueglia, hanno visto complessivamente indagate 20 persone ed hanno avuto origine da una mirata attività informativa che ha portato all’osservazione di una carrozzeria in Caulonia Marina, luogo d’incontro di alcuni indagati per la gestione di traffici illeciti.

Le conseguenti intercettazioni, telefoniche ed ambientali, nonché i servizi di o.c.p. (osservazione, controllo e pedinamento) eseguiti congiuntamente a personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, hanno permesso di documentare  una sistematica e costante attività di spaccio di stupefacente del tipo “cocaina”, “hashish” e “marijuana”, accertando complessivamente 70 episodi di spaccio nelle zone dell’alto jonio reggino,  nonché le condotte di detenzione, cessione e porto illegale di armi comuni da sparo e munizioni, segnatamente carabine e fucili da utilizzare per l’esercizio illecito della caccia da parte di soggetti privi della prevista licenza.   

Inoltre, nel corso delle investigazioni, che già il 14 Febbraio u.s. hanno condotto al fermo di indiziato di delitto del principale indagato TUCCIO Giuseppe cl.’82, sono state tratte in arresto nella flagranza di reato due persone e sequestrati complessivamente 7 kg. di “marijuana”, 400 gr. di “cocaina”, 210 gr. di “hashish”ed 1 pistola semiautomatica cal. 22 marca “llama especial”  priva di caricatore.

Nella fattispecie, come si ricorderà, l’11 dicembre dello scorso anno i Carabinieri del N.O.RM. - Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Roccella Jonica hanno tratto in arresto, nella fragranza di reato, SIMONETTA Vincenzo, 36enne residente a Camaiore ma domiciliato a Caulonia, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, in quanto, a seguito di perquisizione veicolare, è stato trovato in possesso di due sacchi contenenti oltre 6 Kg di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”, già suddivisa in confezioni di cellophane ciascuna del peso di 500 grammi, abilmente occultati all’interno del bagagliaio dell’autovettura a lui in uso.

Invece, il 2 febbraio scorso, i Carabinieri della Stazione di Caulonia Marina, congiuntamente a personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, Tassone Maurizio, 50enne originario di Nardodipace ma residente in Caulonia, di professione operaio, con precedenti di polizia, poiché, a seguito di perquisizione domiciliare, estesa ad un deposito materiali nella sua disponibilità, è stato trovato in possesso di 400 gr di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”, confezionata all’interno di un involucro in cellophane trasparente ed abilmente occultata sotto un cuscino di stoffa posto su una sedia.

Le investigazioni hanno, infine, consentito di dimostrare il concorso dell’odierno arrestato Spanò con Tuccio nel danneggiamento dello pneumatico anteriore sx dell’autovettura Fiat Brava di proprietà di un 55enne di Caulonia, maturato a seguito di dissidi di natura privata e denunciato presso gli uffici della Stazione di Caulonia Marina.

Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati rispettivamente associati alle Case Circondariali di Locri e Monza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Roccella Jonica 13 settembre 2017

I destinatari dei provvedimenti restrittivi sono:

Misura cautelare della custodia in carcere:

-CAVALLARO Vittorio, nato a Locri (RC) l’8.9.1979, residente in Caulonia (RC), coniugato, disoccupato, gravato da pregiudizi penali;

-SPANO’ Ilario, nato a Siderno (RC) il 28.1.1984, residente in Caulonia (RC).

Leggi tutto

SS106, Caulonia. Anas, Regione e Comuni della Locride sul cantiere dei lavori di ricostruzione del ponte Allaro

Si è svolto questa mattina un sopralluogo di Anas, Regione Calabria e dei Sindaci dei comuni della Locride, sul cantiere di Caulonia, dove sono partiti i lavori di ripristino delle parti danneggiate del viadotto Allaro a seguito degli eventi alluvionali abbattutisi sulla provincia di Reggio Calabria nel mese di novembre 2015 e nel gennaio 2017.

L’iniziativa, è stata l’occasione per discutere dei lavori della prima fase, per supervisionare l’inizio degli interventi alla presenza dei sindaci , dell’assessore regionale alle infrastrutture Roberto Musmanno, del sindaco di Caulonia Caterina Belcastro, del Responsabile Anas Coordinamento Territoriale Calabria, Ing. Giuseppe Ferrara e dell’Ing. Antonella Di Vece, Responsabile Unico del procedimento.

Durante l’Incontro, è stata espressa soddisfazione da parte del Sindaco Caterina Belcastro, per la consegna dei lavori di questa importante ed essenziale infrastruttura per il territorio della Locride.

L’assessore Musmanno, che ha portato i saluti del Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, sensibile alle problematiche riguardanti il territorio calabrese, ha ringraziato l’ Anas per la professionalità e la gestione dei lavori, soprattutto nelle fasi di emergenza.

L'Ing. Ferrara ha sottolineando come “l’intervento sul viadotto Allaro rappresenta unapromessa mantenuta e un segno tangibile dell'impegno di ANAS per questo territorio così bello e così fragile dal punto di vista idrogeologico”.

Si concretizza un rinnovato e qualificato investimento per un tratto della SS 106 strategico e bisognoso di interventiL’intervento, che interessa per la prima fase il ponte, consiste nella ricostruzione delle pile 3 e 9, la ricostruzione e il consolidamento delle fondazioni, la nuova pavimentazione, la nuova segnaletica e la sistemazione dell’alveo nel tratto a cavallo del viadotto per lavori che dovrebbero terminare nella primavera del prossimo anno.

L’importo complessivo ammonta ad oltre 1 milione e 200mila euro.

Leggi tutto

Carabinieri Gruppo di Locri. Controlli e perquisizioni: arresti e denunce tra Gioiosa e Monasterace

COMUNICATO STAMPA - Negli ultimi sono stati effettuati servizi di controllo del territorio disposti dal Comando Gruppo Carabinieri di Locri finalizzati alla repressione dei reati in genere, con particolare attenzione a quelli di natura predatoria, nonché al contrasto di attività illecite legate allo spaccio di sostanze stupefacenti alle violazioni della normativa sul controllo delle armi.

A tal proposito, negli ultimi giorni, sono state passate al setaccio le aree più “degradate” dei maggiori centri della locride ove maggiore è la percentuale di soggetti dediti ad attività criminali e in particolare quelli della zona nord, ricadenti nelle c.d. vallate del “Torbido” e dell’”Allaro”.

Nello specifico, il consuntivo dell’attività svolta ha visto particolarmente attenzionata la giurisdizione della Compagnia di Roccella Jonica con un spiegamento massiccio di militari delle 11 Stazioni dipendenti e delle componenti Radiomobili ed Operative.

All’esito dei mirati controlli:

-      i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del N.O.R.M. di Roccella Jonica hanno tratto in arresto in flagranza di reato, DE VELLI Giuseppe, 51enne di San Giovanni di Gerace, già noto alle FF.OO., per violazione degli obblighi imposti dalla sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno nel comune di residenza. Lo stesso, in atto sottoposto alla predetta misura,  è stato sorpreso dai carabinieri nel comune di Marina di Gioiosa Jonica alla guida di un’autovettura. Espletate le formalità di rito, l’uomo è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Locri, così come disposto dall’A.G.;

-      i carabinieri della Stazione di Gioiosa Jonica hanno:

  • tratto in arresto, nella flagranza di reato, SAINATO Roberto, 37enne del posto, già noto alle FF.OO. per evasione. Lo stesso, in atto sottoposto alla detenzione domiciliare, è stato sorpreso dai carabinieri fuori dalla propria abitazione senza alcuna autorizzazione. Espletate le formalità di rito, l’uomo è stato tradotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari;
  • tratto in arresto, nella flagranza di reato, RESCIGNO Matteo, 21enne di Gioiosa Jonica, già noto alle FF.OO. per detenzione illegale di materie esplodenti e prodotti esplodenti non riconosciuti. Lo stesso, durante una perquisizione domiciliare,  è stato trovato in possesso di 4 batterie di tubi da lancio di fuochi di artificio, 2 ordigni verosimilmente esplosivi tipo fuochi d’artificio e 2 ordigni esplosivi artigianali. La materia esplodente rinvenuta, di oltre 2000 grammi,  è stata sottoposta a sequestro, mentre RESCIGNO è stato tradotto presso la sua abitazione in regime degli arresti domiciliari;
  • denunciato un 43enne di Grotteria per porto abusivo di armi o strumenti atti ad offendere. Lo stesso, durante un controllo alla circolazione stradale, è stato sottoposto a perquisizione personale e veicolare, dove è stato trovato in possesso di un coltello con lunghezza di 19 centimetri, abilmente occultato all’interno del ciclomotore di sua proprietà. Il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro;
  • denunciato un 31 di Gioiosa Jonica già noto alle FF.OO. per violazione al Codice della Strada di persona sottoposta alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S. Lo stesso, in atto sottoposto alla predetta misura di prevenzione, è stato sorpreso dai Carabinieri alla guida di un’autovettura, nonostante fosse sprovvisto di titolo di idoneità alla guida, poiché mai conseguito;

-      i Carabinieri della Stazione di Monasterace hanno denunciato un 66enne del posto per guida in stato di ebbrezza. Lo stesso, durante un controllo alla circolazione stradale, è stato sorpreso dai Carabinieri alla della propria autovettura, con tasso alcolemico superiore ai limiti consenti;

-      i Carabinieri della Stazione di Caulonia hanno denunciato un 51enne del posto per guida senza patente. L’uomo è stato sorpreso dai carabinieri alla guida di un autocarro di sua proprietà, nonostante fosse sprovvisto della patente di guida, in quanto precedentemente revocata dalla Prefettura di Reggio Calabria;

Leggi tutto