Menu
In Aspromonte
Artigiani e produttori insieme al Parco dell’Aspromonte ad Artigiano in Fiera

Artigiani e produttori insieme…

Oltre un milione di vi...

Nel Parco dell’Aspromonte vive una delle querce più vecchie del mondo

Nel Parco dell’Aspromonte vive…

Una Quercia di oltre 5...

Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Prev Next

Lo scoiattolo nero meridionale: l'acrobata dei boschi

  •   Redazione
Lo scoiattolo nero meridionale: l'acrobata dei boschi

La scorsa estate durante un’escursione in Aspromonte ho intravisto in mezzo ai rami di un pino un animaletto molto simile ad uno scoiattolo ma era di colore scuro.

Maurizio

RISPONDE LEO CRIACO, DOTTORE IN AGRARIA

Era lo scoiattolo nero meridionale (Sciurus vulgaris). È un roditore della classe dei mammiferi, dalla testa alla coda raggiunge quasi i 40 cm di lunghezza. In estate lo troviamo nelle alture, soprattutto nei boschi di pino, in autunno scende più a valle e lo possiamo vedere sulle querce o sui castagni. A volte si appropria dei nidi abbandonati oppure si rifugia dentro gli alberi cavi, gli artigli ricurvi ed aguzzi gli permettono di muoversi con facilità fra i rami degli alberi. Le sue corse diventano vere acrobazie durante il periodo dell’accoppiamento (ad inizio inverno e poi in estate) che viene spettacolarizzato dalle lotte che portano a stabilire quale sarà il maschio dominante. Non è impaurito dalla presenza dell’uomo, anzi a volte ne sembra incuriosito. Si nutre principalmente di pigne, ghiande e di ogni tipo di frutta che riesce a procurarsi, ha l’abitudine di conservare il cibo per il periodo invernale, durante il quale va in letargo.


  • fb iconLog in with Facebook