Menu
In Aspromonte
Artigiani e produttori insieme al Parco dell’Aspromonte ad Artigiano in Fiera

Artigiani e produttori insieme…

Oltre un milione di vi...

Nel Parco dell’Aspromonte vive una delle querce più vecchie del mondo

Nel Parco dell’Aspromonte vive…

Una Quercia di oltre 5...

Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Prev Next

La Morchella: il fungo "cavo" dei boschi

  •   Redazione
Morchella Morchella

A metà aprile dell’anno scorso, in una pineta del nostro Aspromonte, ho trovato un fungo con il cappello e il gambo completamente cavi. Il cappello era conico di colore brunastro con caratteristiche morfologiche simili alla trippa. Vorrei sapere il nome del fungo e la sua commestibilità.

Vittorio

RISPONDE LEO CRIACO, DOTTORE IN AGRARIA

Il fungo che ha trovato il signor Vittorio era una morchella (nomi locali: spugnola, trippa i pecora). Esistono diverse specie di morchelle, le più diffuse in Aspromonte sono: la morchella conica, la elata e la esculenta. Sono tutte commestibili dopo cottura (contengono sostanze tossiche tremolabili). Essendo un fungo primaverile è poco conosciuta dai cercatori di funghi che concentrano la loro ricerca nel periodo estivo ed autunnale. È molto conosciuta ed apprezzata dagli abitanti di molti paesi dell’Aspromonte orientale. È specie tipica, ma non esclusiva, dei boschi di conifere (pino , abete); può crescere a tutte le altitudini, prediligendo i terreni bruciati e pietrosi.


  • fb iconLog in with Facebook