Menu
In Aspromonte
Artigiani e produttori insieme al Parco dell’Aspromonte ad Artigiano in Fiera

Artigiani e produttori insieme…

Oltre un milione di vi...

Nel Parco dell’Aspromonte vive una delle querce più vecchie del mondo

Nel Parco dell’Aspromonte vive…

Una Quercia di oltre 5...

Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Prev Next

Crescione, la verdura delle fiumare

  •   Redazione
Crescione Crescione

Qualche settimana fa ho visto sul vostro sito la foto di una piantina chiamata crescione. Desidererei sapere dove vive e come viene utilizzata.

Rocco

RISPONDE LEO CRIACO, DOTTORE IN AGRARIA

Il crescione o “Nasturzo acquatico” (Nasturtium officinale) è una pianta erbacea perenne e appartiene alla famiglia delle crucifere (fanno parte di questa famiglia la rapa, il cavolo, la colza, la senape ecc.). Vive vicino e, normalmente, dentro le acque poco mosse e poco profonde delle nostre fiumare. Predilige le acque fresche e limpide e vegeta bene a tutte le altitudini. Il fusto, steso nell’acqua, ha i nodi inferiori provvisti di molte radichette bianche e sottili. Le foglie sono piccole, succose e di forma ovale, i fiori sono minuscoli di colore biancastro.

Il crescione (nomi locali: crisciuni, sia) è ricco di sali minerali, in particolare di ferro, di composti isosolfocianati e di vitamina C, A, E, P. È usato sia in erboristeria sia in cucina. Le parti della pianta che vengono utilizzate sono i rametti raccolti, tra aprile e maggio, prima della fioritura. Ha proprietà espettoranti, diuretiche, depurative e vitaminizzanti.

In erboristeria si utilizza sotto forma di succo e di macerato nei casi di anemia, tiroidismo, disturbi gastro-intestinali e diabete.

In cucina viene consumato sia crudo, in insalata da solo o misto ad altre erbe (lattuga, radicchio, indivia, ecc.), che cotto (si cucina come il cavolo). La cottura comporta, inevitabilmente, la distruzione della maggior parte delle vitamine e di altre sostanza nutritive presenti nel vegetale.

È consigliabile non raccogliere il crescione in acque non pure in quanto può ospitare parassiti come il tifo e le larve di alcuni vermi parassiti dell’intestino.


  • fb iconLog in with Facebook