Menu
Corriere Locride
Viola Basket. Monastero: "Contenti della squadra che abbiamo allestito, siamo pronti per la nuova stagione"

Viola Basket. Monastero: …

Il Presidente della Me...

“Basta Vittime Sulla 106”. Siglata oggi la convenzione che permette all'Associazione di tutelare meglio i diritti dei cittadini

“Basta Vittime Sulla 106”. Sig…

Pronti ad azioni legal...

Cittanova: Virginia Raffaele inaugura la 15a Stagione Teatrale

Cittanova: Virginia Raffaele i…

Sarà Virginia Raf...

Calciomercato di Serie D - La Palmese prende il centravanti Orlando

Calciomercato di Serie D - La …

di Sigfrido Parr...

Calcio, Serie D: la gara Paceco-Palmese arbitra Arena di Torre del Greco

Calcio, Serie D: la gara Pacec…

di Sigfrido Parrello -...

Bovalino. Caffè Letterario Mario La Cava: Sabato 16 settembre apertura della stagione 2017 – 2018

Bovalino. Caffè Letterario Mar…

Inaugurerà la nuova st...

Messaggio del Vescovo di Locri-Gerace agli studenti per il nuovo anno scolastico

Messaggio del Vescovo di Locri…

Caro studente, No, no...

Locri. Oggi giornata di sciopero e presidio dei lavoratori Call&Call Lokroi

Locri. Oggi giornata di sciope…

Le segreterie regional...

Gravi problemi della sanità nelle aree disagiate, il CISADeP chiede un incontro al Ministero della Salute

Gravi problemi della sanità ne…

Il Coordinamento Itali...

Bovalino: Mercoledí 13 settembre commemorazione del 27' anniversario dell'assassinio del Brig. Marino

Bovalino: Mercoledí 13 settemb…

Alle ore 10.30 del 13 ...

Prev Next

Ardore. 443 Cittadini chiedono accertamenti sulla salute pubblica

Nel comune di Ardore (R.C.) un gruppo d 443 cittadini, visto l'elevato tasso di mortalità fatto registrare negli ultimi anni, hanno deciso di chiedere ultieriori accertamenti alle istituzioni competenti, redigendo una diffida affidata all'avvocato Caterina Crimeni.
In questa intervista la Crimeni ci parla della questione. 

http://www.giovannicertoma.it/articoli/8691/ad_ardore_alto_tasso_di_mortalit_443_cittadini_chiedono_accertamenti_sulla_salute_pubblica

*la diffida è stata anche inviata a Arpacal sede di Reggio Calabria

Giovanni Certomà
Leggi tutto

Ardore, pascolo abusivo in Terreni confiscati alla Mafia: Una denuncia

Nella giornata di ieri, un’operazione congiunta tra i Carabinieri della Compagnia di Locri, Carabinieri Forestali del Comando Parco Stazione di Locri e Medici Veterinari dipendenti dell’Azienda Sanitaria – Servizio Veterinario – Area A di Locri, è stata condotta in contrada “Notaro” di Ardore su terreni confiscati alle mafie.

Nel corso di una serie di controlli finalizzati alla prevenzione e alla tutela delle proprietà pubbliche, i Carabinieri della Stazione di Ardore hanno sorpreso in flagranza di reato una 38enne del posto, mentre teneva al pascolo un gregge di decine di ovini sprovvisti del marchio auricolare su terreni confiscati.

I terreni confiscati risultano essere in carico al Comune di Ardore con la finalità di curare l’assegnazione ad Associazioni ONLUS e di promuovere quindi l’applicazione della Legge nr. 109/96 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie, che prevede l’assegnazione dei patrimoni e delle ricchezze di provenienza illecita a quei soggetti – Associazioni, Cooperative, Comuni, Provincie e Regioni - in grado di restituirli alla cittadinanza, tramite servizi, attività di promozione sociale e lavoro.

I pascoli vengono affidati in seguito al rilascio di regolare concessione ed al pagamento di un canone. Ebbene, nel caso specifico, l’allevatrice oltre ad essere priva delle prescritte autorizzazioni deteneva animali sprovvisti del bolo endoruminale. I militari operanti hanno perciò contestato l’illecita introduzione di animali nel fondo altrui e di Enti Pubblici ed il contestuale invito ad allontanare gli ovini dal fondo.

Leggi tutto

Ardore: Incontro dibattito sul No al referendum costituzionale

Ardore per l’ennesima volta ospita una partecipata assise del centrodestra calabrese e reggino in particolare. Il terzo convegno in poco più di un anno, con la sigla di FI, oggi incentrato su referendum e territori, ed è sempre Gianfranco Sorbara ad organizzarlo – stavolta assieme al consigliere comunale e capogruppo di minoranza Roberto Marando – ; “il NO dei territori” è stato il titolo. “Il segnale è stato multiplo – scrive il comitato ardorese organizzatore dell’incontro -. In primis organizzare un evento sul tema del referendum e dare la parola agli amministratori locali, primi riferimenti per i cittadini, e rappresentanti dello Stato e dell’apparato pubblico da sempre più esposti e meno tutelati. A loro Sorbara ha deciso di chiedere il parere sulla consultazione referendaria del 4 dicembre. La partecipazione è andata aldilà delle più rosee previsioni! quasi due dozzine di amministratori della provincia di RC sono accorsi, dando al dibattito un senso che va oltre il tema referendario, ma che lancia un segnale chiaro a chi oggi amministra o crede di amministrare i partiti localmente, è questo è stato il secondo segnale dato dall’evento alla politica: la base è il cuore della politica e non può continuare ad essere umiliata e poco considerata da chi ci governa, ad ogni livello ed in ogni contesto! Erano appunto presenti: gli assessori Lea Stelitano e Mimmo Alafaci, di Roghudi e S. Agata del Bianco; i consiglieri comunali D’Ascoli, Mazzaferro, Passafaro e Zampogna, rispettivamente di Reggio Cal., Gioiosa I., Locri e Palmi; i vice sindaci di Bianco, Platì e Oppido M., Ceratti, Zappia e Barca, nonché i già assessori comunali Micari di Villa S.G. e l’ex sindaco di Locri Macrì, oltre alla presenza tra il pubblico degli ex- parlamentari Foti e Crinò, più ovviamente una folta rappresentanza di dirigenti e militanti di Forza Italia e cittadini. Insomma un clima di riunione dell’ANCI o da congresso di partito vecchio stampo, per il numero di amministratori ed addetti ai lavori. Tutti i dettagliati interventi hanno argomentato sui rischi che comporterebbe la vittoria del “si” al referendum, negatività espresse anche da relatori da sempre culturalmente riformisti, ma che giustamente hanno voluto ribadire che se si riforma male è come fare un passo indietro, non uno in avanti. Naturalmente, se pur non in tema con il dibattito, non sono mancate le stilettate all’attuale establishment di Forza Italia che spesso non trova la forza ed il coraggio di confrontarsi con la propria base, non celebra congressi né confronti tra eletti e territori, che ancora governa con la finzione e l’ipocrisia, pensando solo al proprio orticello, e che sta contribuendo, col suo piccolo malgoverno calabrese, a relegare un movimento che era al 40% a soglie odierne da singola cifra. Le critiche più aspre però sono giunte per l’attuale governo regionale di sinistra, poco funzionante e poco corrispondente ai reali bisogni degli enti locali e della cittadinanza. Insomma un NO dai territori che non è stato lanciato solo verso la consultazione del 4 dicembre prossimo, ma che ha voluto contestare un po’ tutte le cose che non vanno nella gestione della politica attuale, a tutte le latitudini. E’ stato quindi un incontro/dibattito nuovo per schema e contenuti che si è posto l’auspicio di destare dal sonno chi ancora crede che l’impegno politico sia la rincorsa a poltrone, incarichi e consulenze, dimenticando colpevolmente i bisogni dei cittadini, specie delle fasce deboli e meno difese”.

Leggi tutto