Menu
Corriere Locride
Cresce l'attesa per il Carnevale dell'Area Grecanica a Brancaleone

Cresce l'attesa per il Carneva…

Consueto appuntamento ...

“Innocenti”, la Scuola di Recitazione della Calabria in scena giovedi 20 febbraio a Cittanova

“Innocenti”, la Scuola di Reci…

Andrà in scena giovedì...

Cinquefrondi. "Stato di degrado delle strade": Il Sindaco scrive alla Città Metropolitana di Reggio Calabria

Cinquefrondi. "Stato di d…

COMUNE DI CINQUEFRONDI...

Cinquefrondi. La fondazione Lanzino ed il Comune sottoscrivono protocollo di intesa. Il 22 febbraio presentazione del progetto

Cinquefrondi. La fondazione La…

In data odierna l'Am...

Nota stampa di Uil - Fp su: «emergenza carenza farmaci nella farmacia del Presidio Ospedaliero di Locri»

Nota stampa di Uil - Fp su: «e…

«Siamo venuti casualme...

Operazione “Polo Solitario”: «Revocata la misura cautelare a Teresa Ammendola»

Operazione “Polo Solitario”: «…

Nell’ambito dell’”Oper...

Siderno. Sabato 8 febbraio da MAG si presenta la raccolta poetica di Antonio Pileggi

Siderno. Sabato 8 febbraio da …

Sensazioni. Visioni. I...

Tre giorni contro le mafie a Vibo Valentia per la rinascita del Sud

Tre giorni contro le mafie a V…

«E’ una libera scelta,...

Bovalino. Ingresso libero per il match di domenica prossima Gallico - Catona

Bovalino. Ingresso libero per …

#NextMatch #Boval...

Siderno. Progettazione sociale: «le periferie Sidernesi ottengono l’ennesimo riconoscimento»

Siderno. Progettazione sociale…

La proposta progettual...

Prev Next

Gioiosa Ionica. Parte venerdì 26 luglio il primo dei quattro eventi organizzati da "Movimundi"

Parte venerdì 26 luglio da Gioiosa Ionica il primo dei quattro eventi organizzati da Movimundi, il tema dei cambiamenti climatici, campo scelto dal movimento come cornice di ogni iniziativa, messo in relazione ai consumi a km zero. Siamo convinti che consumare locale sia una delle direttrici attraverso cui si può operare un’inversione di tendenza per la salvaguardia dell’ambiente; pensate se i quasi due milioni di calabresi scegliessero di consumare prodotti che non vengono trasportati per lunghi tragitti su gomma si risparmierebbe l’emissione in atmosfera di tonnellate di azoto, polveri fini ed idrocarburi che poi sono tra i maggiori responsabili dei danni alla salute. Avrebbe, inoltre,  risvolti economici perché comprerebbero prodotti del mercato locale con grande beneficio della nostra asfittica economia che condanna molti ad abbandonare la Calabria. In questa ottica il primo degli eventi è dedicato al far conoscere un mercato locale che spesso sfugge per effetto della spesa fatta nei grandi magazzini che non li espongono. Comprare responsabile significa anche che per qualche centesimo di risparmio si acquistano prodotti che arrivano da migliaia di chilometri provocando danni ambientali che hanno un costo ben superiore al risparmio realizzato. Saranno presenti circa 45 aziende e un pool di esperti che rappresenteranno i benefici del consumo a km zero.

Arturo Rocca

Leggi tutto

Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo: «L’Osservatorio Ambientale esprime soddisfazione per la riuscita della manifestazione»

Giornata Mondiale dell’Acqua 2019.

L’Osservatorio Ambientale esprime soddisfazione per la riuscita della manifestazione organizzata per la Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo u.s.  I lavori si sono svolti nell’aula magna dell’ Istituto Superiore “ Marconi” di Siderno, gentilmente concessa dalla Dirigente Scolastica dott.ssa Clelia Bruzzì. Il taglio che si è voluto dare quest’anno alla ricorrenza è stato a metà strada tra la festa e la riflessione, l’introduzione è stata curata dal presidente Arturo Rocca che ha brevemente illustrato le attività messe in atto dall’Osservatorio in questi anni a protezione dell’acqua ed ha dato lettura del messaggio inviato dall’assessore regionale Maria Teresa Fragomeni trattenuta altrove da impegni istituzionali. Ha ricordato negli anni le varie modalità di celebrazione di questa ricorrenza istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1992. Ha illustrato quello che ha definito il cerchio dell’acqua in cui sono inscritti gli attori che si è inteso coinvolgere: l’associazionismo con l’Osservatorio che ha il compito di sollecitare le soluzioni, l’università che ha quello di progettare con competenza, il politico ed il tecnico che devono adottarle, l’agenzia di tutela che controlla la qualità, il religioso che alimenta la spiritualità, gli artisti che esaltano la musicalità dell’acqua. Rocca ha ricordato con una celebre battuta di Totò che è la somma che fa il totale per cui l’acqua elemento primordiale ha trovato all’interno di questo cerchio immaginato la sua completa trattazione. Particolarmente toccante è stata la testimonianza del missionario comboniano padre Ampelio con esperienza più che ventennale in Uganda e Kenia; ha infatti illustrato le modalità con cui si tratta il bene acqua in località dove scarseggia, ha raccontato qualche aneddoto e portato una foto dove si vedevano gli uomini al lavoro per estrarre il prezioso liquido dal sottosuolo con mezzi rudimentali. Il dott. Salvatore Procopio fisico dell’ArpaCal ha evidenziato tutte le iniziative che mette in atto l’agenzia regionale per tutelare l’acqua ed ha voluto ringraziare l’Osservatorio che con la sua attività ha sollecitato l’ArpaCal a dotarsi di alcune strumentazioni per la misurazione dell’inquinamento radiometrico. L’ing. Fabio Scionti nella sua qualità di consigliere delegato della città metropolitana, sindaco e ingegnere idraulico ha messo in evidenza quelli che sono gli interventi che il suo ufficio vuole mettere in atto per la tutela delle fiumare, vera e propria specificità del nostro territorio. Infine il prof. Giuseppe Bombino ha compiutamente trattato la risorsa acqua dal punto di vista storico, filosofico e politico dando precise indicazioni su come avviare a soluzione le carenze nell’uso della risorsa. A completamento Manuela Cricelli con la sua splendida interpretazione ha cantato, accompagnata da Peppe Platani alla chitarra, tre brani che richiamano il tema dell’acqua ma quello più efficace è stato Signuruzzu chiuviti chiuviti, preghiera vera e propria per propiziare la pioggia e che ci piace riportare:

SIGNURUZZU  CHIUVITI CHIUVITI

Signuruzzu chiuviti chiuviti

ca l’arbulicchi su morti di siti.

Mannatinni una bona

senza lampi e senza trona.

Signuruzzu ’un nni castigati

ca lu panuzzu nni livati.

L’acqua di ‘ncelu sazìa la terra

funti china di pietà.

Li nostri lacrimi posanu nterra

e Diu nni fa la carità

perché è la sintesi di ciò che l’acqua rappresenta nel bene e nel male. Il comandante dell’Ufficio Marittimo di Siderno, maresciallo Umberto Surace è intervenuto per illustrare il lavoro della Guardia Costiera a difesa dell’acqua. Numerosi e stimolanti gli interventi della platea. Nel corso della manifestazione è stato riportato il sogno dell’Osservatorio

L’ ACQUA SIA PER TUTTI!

Con la speranza che si realizzi.

La sala è stata addobbata con i fiori spontanei della stagione e con l’esposizione delle bandiere Italiana ed Europea per rimarcare l’appartenenza ad ambedue e rigettare ipotesi di autonomia differenziata e uscita dall’UE.

Arturo Rocca

Leggi tutto

Siderno. Venerdì 22 marzo, per la Giornata Mondiale dell’acqua, si terrà un incontro nell’aula magna dell’istituto Superiore Marconi

«Acqua per tutti!»

E’ questo il tema scelto per la giornata mondiale dell’acqua 2019. L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite 27 anni fa ha istituito questa ricorrenza, il 22 marzo, per puntare i riflettori sul prezioso elemento che rende possibile la vita sul pianeta per tutti gli esseri umani, animali e vegetali. Quando pensiamo ai deserti immaginiamo luoghi dove la vita è quasi assente ma l’uomo nel corso dei secoli non solo non ha frenato l’avanzare dei deserti ma addirittura lo ha favorito attuando una politica di gestione delle risorse naturali a volte sciagurata nel migliore dei casi superficiale. L’Osservatorio Ambientale da anni si occupa di porre all’attenzione dei cittadini e degli enti oltre che degli organismi preposti all’organizzazione sociale il problema delle risorse naturali e tra queste prioritariamente l’acqua. Si è partiti dal dato preoccupante che vede oltre il 50% dei calabresi non avere fiducia nell’acqua pubblica per mettere in atto una serie di iniziative per sviscerare il problema su basi empiriche invece che sui luoghi comuni o addirittura sulle leggende metropolitane. Abbiamo, di concerto con Sorical e ArpaCal, messo in atto una serie di monitoraggi sull’acqua partendo dalle analisi radiometriche. La radioattività nell’acqua è il male più temuto in quanto le falde sono quelle che per prime possono essere contaminate in presenza di elementi inquinanti di tale natura. Per capirci, rifiuti tossici industriali e non eventualmente sotterrati nei nostri territori. E’ chiaro che se le nostre acque avessero avuto tracce di radioattività ogni altro accertamento sarebbe stato inutile. Invece le analisi, che all’epoca l’ArpaCal non aveva gli strumenti per effettuare, commissionate ad un laboratorio privato hanno evidenziato la totale assenza di radioattività. I costi sono stati sostenuti da erogazioni liberali e dalle quote versate dalle associazioni aderenti all’Osservatorio. Questo dato ci ha incoraggiati ad effettuare un secondo step per i metalli pesanti ed anche questi sono risultati assenti o nei limiti di legge. Per cui abbiamo iniziato una campagna di promozione dell’acqua pubblica cercando di scoraggiare l’acquisto di acque imbottigliate in plastica che arrivano da migliaia di chilometri di distanze e che nel migliore dei casi sono meno buone della nostra acqua di rubinetto. Abbiamo un applicativo, https://acquapotabile.crowdmap.com/, che può essere consultato per avere informazioni relativamente alle acque erogate dai comuni che hanno sottoscritto un protocollo d’intesa e s’impegnano ad effettuare periodicamente le analisi.  La nostra opera di sensibilizzazione avviene in ogni occasione e alle nostre iniziative portiamo acqua di sorgente in bottiglie di vetro. Anche quest’anno vogliamo festeggiare la ricorrenza della Giornata Mondiale dell’acqua con una manifestazione che si svolgerà a Siderno nell’aula magna dell’istituto Superiore Marconi e che vedrà gli interventi del Prof. Giuseppe Bombino docente UniRC e ricercatore di idronomia, dell’Ing. Fabio Scionti, consigliere metropolitano con delega al demanio oltre che ingegnere idraulico, del Dott. Salvatore Procopio fisico del dipartimento provinciale ArpaCal di Catanzaro e seguirà la testimonianza di Padre Ampelio, missionario Comboniano in Africa. La conclusione ai nostri artisti Manuela Cricelli e Peppe Platani.

Arturo Rocca

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed