Menu
FanduCorriere Locride
Roccella Jonica. Nota stampa del Sindaco sulla situazione dei migranti positivi al Covid - 19 sbarcati il 10 luglio scorso

Roccella Jonica. Nota stampa d…

Comunicato n. 2 del 12...

Reggio Calabria. Il Circolo Culturale “G. Calogero” organizza il convegno “La Rivolta di Reggio del 1970 tra società cultura e storia”

Reggio Calabria. Il Circolo Cu…

In occasione del cinqu...

DIOCESI OPPIDO MAMERTINA - PALMI. Iniziato il delicato intervento di restauro della monumentale statua di San Girolamo a Cittanova

DIOCESI OPPIDO MAMERTINA - PAL…

È iniziato il delicato...

Gli alunni del “Gemelli Careri” di Oppido Mamertina alla quinta edizione del concorso “Archivio Nazionale dei monumenti adottati dalle scuole italiane”, con un corto su “lo scoglio dell’ulivo di Palmi”

Gli alunni del “Gemelli Careri…

Il progetto didattico,...

Poste Italiane contribuisce allo sviluppo economico e sociale del paese

Poste Italiane contribuisce al…

«Nel 2019 le attività ...

Bovalino: l'Adda richiede segnaletica e spazi per disabili

Bovalino: l'Adda richiede segn…

L'associazione Adda, s...

"Distanti", il nuovo libro edito da Falzea

"Distanti", il nuovo…

di Cosimo Sframeli Un...

Respinto il ricorso della Palmese retrocessa in Eccellenza. Adesso si va al Tar

Respinto il ricorso della Palm…

di SIGFRIDO PARRE...

Poste Italiane ottiene l’attestato ISO 26000

Poste Italiane ottiene l’attes…

L’Azienda aderisce al ...

UNHCR e Intersos a Camini per la Giornata mondiale del rifugiato  Incontri e dibattiti il 23 e 24 giugno nel paese dell'accoglienza

UNHCR e Intersos a Camini per …

UNHCR (Alto commissari...

Prev Next

Siderno. Martedì 10 dicembre l’Osservatorio Ambientale terrà una mattinata informativa sui rischi di patologie causate dal gas Radon

  •   Arturo Rocca
Siderno. Martedì 10 dicembre l’Osservatorio Ambientale terrà una mattinata informativa sui rischi di patologie causate dal gas Radon

Quanti conoscono il gas Radon? E quanti sono a conoscenza se nel luogo in cui abitano o risiedono abitualmente vi è questa inquietante presenza? Pochi, per la verità: difatti a quasi nessuno viene in mente di far rilevare la presenza del gas nelle proprie abitazioni. Nella maggior parte di queste case gli occupanti non sono a conoscenza di viverci con un grave rischio per la salute – e perché non sono a conoscenza del problema, non si possono proteggere.
Questo ignorarne l’eventuale presenza, tuttavia, si stima possa essere nel mondo causa di morte di una persona ogni due giorni per cancro ai polmoni. Una delle soluzioni pertanto rimane informarsi se nella propria zona di residenza – e in particolare nella propria casa – vi è la presenza di gas Radon e, nel caso, prendere provvedimenti: per esempio, installare dei rilevatori e misuratori, se si vuole proteggere la propria salute. L’Osservatorio Ambientale propone una campagna per la misurazione del radon nelle abitazioni che verrà effettuato dall’ArpaCal, dipartimento di Catanzaro, ai Sindaci che ne hanno richiesto l’intervento. I comuni non avranno spese da sopportare ma solo l’onere di indicare le abitazioni da campionare. Analoga campagna è stata sollecitata al Parco Nazionale dell’Aspromonte per quanto riguarda i comuni ricadenti nell’area protetta.
Il Radon è un nemico subdolo la cui presenza passa inosservata poiché si tratta di un gas incolore, insapore e inodore. Si forma dalla rottura o decadimento dell’uranio contenuto naturalmente nelle rocce e nel sottosuolo. Una volta formatosi, come tutti i gas, tende a volatilizzarsi ed essere respirato da chi ne viene a contatto.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS, o WHO) lo ha inserito insieme al fumo di sigaretta e l’amianto tra le cause numero 1 di cancro. In Italia il gas Radon è considerato la seconda causa di morte per cancro ai polmoni.

Martedì 10 dicembre p.v. si terrà una mattinata informativa presso l’aula magna dell’Istituto Tecnico “Marconi” di Siderno con l’intervento del dott. Salvatore Procopio, fisico in servizio presso l’ArpaCal dipartimento di Catanzaro. La popolazione è invitata a partecipare.