Menu
Corriere Locride
L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” realizza il primo rapporto sugli incidenti stradali mortali nel periodo 2013-2017 sulla s.s.106

L’Associazione “Basta Vittime …

L’Associazione “Basta ...

Cinquefrondi. Il sindaco Conia chiede ai vari enti preposti di intervenire a tutela della sicurezza dei cittadini

Cinquefrondi. Il sindaco Conia…

Il Sindaco di Cinquefr...

Diocesi Locri - Gerace. Molte le comunità parrocchiali interessate dall’avvicendamento dei parroci

Diocesi Locri - Gerace. Molte …

Sulla linea del rinnov...

Coldiretti, Molinaro: succo di soli agrumi calabresi in vendita nella Gdo

Coldiretti, Molinaro: succo di…

«Produzione, testa e c...

Nota stampa del Presidente del Consorzio di Bonifica Tirreno Catanzarese sull'evento eccezionale che ha colpito il suo comprensorio

Nota stampa del Presidente del…

«L’evento eccezionale ...

Nubifragio, Coldiretti, Molinaro: gli interventi urgenti della Regione

Nubifragio, Coldiretti, Molina…

«Prima stima dei danni...

Bovalino (RC). Premio Letterario La Cava 2018: Le opere in concorso

Bovalino (RC). Premio Letterar…

Sono 33 le opere in co...

Locri. Martedì 9 ottobre verrà presentata la ricognizione archeologica del Locri Survey

Locri. Martedì 9 ottobre verrà…

Martedì 9 ottobre 2018...

Ardore. Grande partecipazione all'iniziativa di questa domenica mattina organizzata da AISM (associazione italiana sclerosi multipla)

Ardore. Grande partecipazione …

Anche ad Ardore si è f...

Reggio. Nota stampa di Antonino Castorina sui lavori di riqualificazione nel quartiere Archi

Reggio. Nota stampa di Antonin…

«Il lavoro che stiamo ...

Prev Next

Legambiente Calabria commenta l'indagine "Mala depurazione"

  •   Redazione
Legambiente Calabria commenta l'indagine "Mala depurazione"

«Da anni l'associazione segnalava una cattiva depurazione e invitava all'accertamento delle colpe».

Legambiente Calabria è da anni che affronta il problema della depurazione e tutto quello che emerge dall'inchiesta "Mala depurazione" della procura della Repubblica di Reggio Calabria e che porta al sequestro di 14 depuratori non fa altro che avvallare le preoccupazioni dell'associazione ambientalista.

Circa un anno fa l'ennesima segnalazione di Legambiente su dati della depurazione pessimi, quando commentando i dati Arpacal era chiaro che qualcosa negli impianti non funzionasse. Già nel 2015 e nel 2016 attraverso la pubblicazione dei dossier "La depurazione in Calabria: un contributo per affrontare il problema dello smaltimento dei fanghi" l'associazione del Cigno aveva sottolineato la gravità della situazione a tutte le Amministrazioni competenti, situazione critica che viene confermata anche dai monitoraggi di Goletta Verde. L'associazione aveva anche proposto che lo smaltimento dei fanghi ed il relativo costo fosse eliminato dagli oneri delle imprese che gestiscono gli impianti di depurazione per dare ai Comuni o alle Unioni di Comuni un elemento attraverso cui controllare l'efficienza della depurazione nei territori di competenza. Da quello che viene fuori dall'attuale inchiesta della Procura, però, tutte le segnalazioni, gli accorgimenti e le spinte per fare meglio e per voler bene al nostro mare di Legambiente a poco sono servite, evidentemente quello che serviva era l'intervento della Procura.

Il quadro che è venuto fuori dall'indagine è davvero desolante: impianti malfunzionanti, compressori, misuratori di portata ed elettropompe mancanti o mai sostituiti, by-pass non autorizzati e innumerevoli casi accertati di smaltimento illecito dei fanghi e dei residui prodotti dagli impianti, tutto ciò non fa che aumentare la rabbia verso chi non comprende l'importanza di avere un mare pulito in Calabria sia per i benefici economici che si potrebbero ottenere con un buon turismo sia per la qualità di vita che ne deriverebbe.

Speriamo che l'indagine "Mala depurazione" faccia il suo corso e porti alla condanna dei responsabili in modo da dare un chiaro e forte segnale che chi sbaglia a discapito dell'ambiente e della collettività paga! Si spera che non finisca come per il processo ai dirigenti delle società Smeco e Giseco con l'assoluzione di tutti gli imputati che per anni avevano gestito gran parte dei depuratori del Tirreno cosentino, dopo che gli inquirenti avevano accertato che i fanghi della depurazione senza alcun trattamento, venivano smaltiti direttamente in mare.

È necessario che indagini come quella avviata per la provincia reggina vengano avviate anche in altri posti attenzionati, anche perché la maxi multa della Comunità europea per quelle città senza depurazione è indice che ci sono dei malfunzionamenti e in Calabria sono tanti i Comuni (ben 13 sono quelli coinvolti) ancora senza impianti di depurazione e che sono stati messi al bando dall'Unione Europea per le inadempienze.

A differenza del recente passato, oggi gli inquirenti hanno strumenti di repressione molto più efficaci, come dimostra la contestazione anche in questo caso, tra gli altri, del nuovo delitto di disastro ambientale (entrato in vigore grazie alla legge 68 del 2015), assurto ormai a simbolo delle lotte ambientalisti nel nostro paese in nome del popolo inquinato. Quindi speriamo che dopo tante denunce adesso chi ha inquinato paghi davvero.