Menu
Corriere Locride
Bovalino. Sabato 29 settembre al Caffè Letterario Mario La Cava si terrà la Presentazione del romanzo "Il cielo comincia dal basso"

Bovalino. Sabato 29 settembre …

«Rosa Sirace è una che...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Prev Next

Coldiretti: «si scriva la parola fine all’ampliamento della discarica nel comune di Scala Coeli»

  •   Redazione
Coldiretti: «si scriva la parola fine all’ampliamento della discarica nel comune di Scala Coeli»

«Troppe, enormi, insormontabili – ad avviso di coldiretti -  sono le perplessità riguardo l’ampliamento della discarica di rifiuti speciali, addolcita con l’indicazione non pericolosi, (resta da capire quali sono quelli pericolosi!) che dovrebbe espandersi nel comune di Scala Coeli in località “Casa Pipino” meglio conosciuta “Patia”, a cavallo delle province di Crotone e Cosenza ed interessando più comuni di questo vasto territorio». L’attendismo nell’affrontare questa vicenda adottato fino ad ora,  le schermaglie procedurali, i pareri, e tanto altro è una strategia rischiosa che può costare caro alle scelte necessarie che si devono fare per rafforzare invece l’agricoltura di qualità e a non stravolgere aree soggette a vincoli paesaggistici con la progettata discarica che avrà un impatto su aree sensibili quali appunto beni paesaggistici, distintivi ed aree archeologiche. Ma anche preservare la tutela dell’acqua poiché - ricorda Coldiretti - in prossimità dei terreni, oggetto dei lavori di ampliamento della discarica, esiste una sorgente di acqua ad uso pubblico e la possibilità di investimenti per preservare e accumulare la risorsa idrica a servizio di un territorio che ha la necessità di averla. Coldiretti, con una lettera inviata a varie Istituzioni Nazionali, regionali e locali, ritorna quindi alla carica per il no alla discarica e chiede contestualmente, essendone legittimata, di essere messa a conoscenza degli atti decisori e della documentazione che via via verrà prodotta. Un sempre più avvertito sviluppo coerente, durevole e sostenibile confermato dalle deliberazioni dei comuni interessati e quindi dalle comunità e in linea con la programmazione europea e regionale – afferma il presidente di Coldiretti Calabria Molinaro - non permette di compiere scelte che cozzano tra loro in modo evidente”

11.07.2018                                                                Ufficio Stampa Coldiretti Calabria