Menu
Corriere Locride
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Vibo Valentia. Il presidente nazionale di UE.COOP Gherardo Colombo è stato in Calabria – Il report

Vibo Valentia. Il presidente n…

Il presidente Nazional...

Prev Next

Bovalino. Depuratore Consortile: demolita la stazione di sollevamento S20-03

  •   Redazione
Bovalino. Depuratore Consortile: demolita la stazione di sollevamento S20-03

Bovalino - Gli operai della Idrotecnica Srl, diretti dal geometra Antonio Naso, hanno proceduto stamattina alla demolizione della stazione di sollevamento S20 - 03, posizionata nella spiaggia adiacente al lungomare di Bovalino (lato Nord). Hanno assistito all’evento il vice sindaco Cinzia Cataldo, un gruppo di studenti dell’IIS La Cava e alcuni cittadini bovalinesi. La suddetta stazione di sollevamento, che a causa delle frequenti rotture, fino all’inizio dell’estate scorsa ha causato non pochi problemi agli stabilimenti balneari vicini era stata spostata nel corso dei lavori più a monte. A quasi un mese dalla fine dei lavori i tecnici della Idrotecnica Srl stanno monitorando (per contratto lo faranno fino a metà aprile 2018) costantemente l’impianto consortile, che necessita di una manutenzione continua, cercando allo stesso tempo di sensibilizzare gli amministratori dei comuni interessati sull’urgenza di assegnare al più presto la gestione ad un’equipe di esperti che li sostituisca. Per poterlo fare però i quattro Comuni dovrebbero costituire il Consorzio. Alla Idrotecnica Srl va il plauso per la serietà con la quale ha condotto i lavori, risolvendo un problema decennale, ma adesso tocca alla politica impegnarsi per evitare alcune criticità “annunciate”. Prima fra tutte la possibile fuoriuscita dei fanghi prodotta dall’impianto di contrada Sant’Antonio, visto che ancora non ci sono i soldi, servono quasi 200000 euro, per smaltire quelli accumulati da anni nelle vasche di contenimento.