Menu
In Aspromonte
Samo. La Pro Loco Pitagora organizza la IX Edizione della Festa del Vino e dei Prodotti Tipici Samesi

Samo. La Pro Loco Pitagora org…

SAMO – La Pro Loco “PI...

Reggio. Azione Identitaria esterna la propria avversione nei confronti dell'Amministrazione Comunale reggina

Reggio. Azione Identitaria est…

Riceviamo e pubblichia...

La Calabria nell'Atlante dei cammini d'Italia del Mibact con due percorsi: quello di San Francesco di Paola e il Sentiero del Brigante tra Aspromonte e Serre

La Calabria nell'Atlante dei c…

È stato presentato a R...

A Condofuri Marina assaggio d’autunno..., aspettando San Martino

A Condofuri Marina assaggio d’…

Domenica 5 novembre 20...

Calabria Greca. Doppio taglio del nastro, Bova sempre più “roccaforte di cultura”

Calabria Greca. Doppio taglio …

Un lunedì speciale.Due...

Planetarium Pythagoras. Reggio: Sabato 21 ottobre 2017, ore 20.30  XXIV giornata nazionale contro l'inquinamento luminoso

Planetarium Pythagoras. Reggio…

Sabato 21 Ottobre alle...

Escursioni. Domenica 15 “Gente in Aspromonte” sarà a Montalto (1956 metri)

Escursioni. Domenica 15 “Gente…

Domenica 15 ottobre, d...

Ambiente. Incendi: Galletti firma piano riforestazione parchi da 5 milioni

Ambiente. Incendi: Galletti fi…

Il ministro porta ad A...

Il Cai di Reggio Calabria presenta il libro “il fuoco dell’anima” incontro con l’autore Andrea di Bari

Il Cai di Reggio Calabria pres…

Sabato 28 ottobre alle...

Partito Radicale: precisazioni di Maurizio Turco, rappresentante legale del Partito

Partito Radicale: precisazioni…

Dichiarazione di Mauri...

Prev Next

Wwf Vibo: La follia incendiaria non risparmia l’Oasi dell’Angitola

  •   Redazione
Wwf Vibo: La follia incendiaria non risparmia l’Oasi dell’Angitola

Dall’inizio del mese ben cinque incendi hanno arrecato danni ingentissimi all’area protetta. Il wwf chiede una sorveglianza h24.

Anche se ogni anno il territorio dell’ Oasi dell’Angitola, 875 ettari tra i comuni di Maierato e Monterosso Calabro, è costretto a subire i danni provocati dal fuoco, la situazione attuale, che ha fatto registrare ben cinque grossi  incendi dall’inizio del mese, si presenta come quella più allarmante da quando l’oasi è stata istituita, nel lontano 1975.

A farsi portavoce della rabbia e della preoccupazione per il futuro dell’area naturalistica dichiarata Sito di Importanza Comunitaria, nonché unica “Zona Ramsar” della Calabria, è il WWF Vibonese con  il Presidente Angelo Calzone e il Responsabile del settore conservazione Pino Paolillo.

Più volte gli ambientalisti si sono dovuti precipitare nelle zone interessate dai roghi per assistere, purtroppo impotenti, alla distruzione di ampie zone di pineta e di macchia mediterranea, come mai si era verificato in passato. Innumerevoli le richieste di intervento, fatte in collaborazione con i dipendenti del Consorzio di Bonifica “Tirreno Catanzarese”, gestore dell’invaso artificiale,  e lo stesso  Commissario del Parco Regionale delle Serre, responsabile della gestione forestale dell’area, sia ai  Vigili del Fuoco che alla Protezione Civile, impegnati, com’è noto , in tutta la provincia a causa dei numerosissimi incendi che continuano a imperversare un po’ dovunque. Incendi che spesso mettono a repentaglio  persino la  vita di molti cittadini e sottopongono gli stessi Vigili a turni massacranti. Proprio in considerazione  dell’importanza naturalistica dell’area il WWF chiede che il servizio antincendio svolto dalla squadretta di operai di “Calabria Verde”, venga potenziato nei mezzi  ed esteso a tutto l’arco della giornata, comprese le ore notturne, in modo da poter intervenire immediatamente all’avvistamento dei primi focolai. Inoltre il WWF auspica che gli organi di Polizia Giudiziaria intensifichino  le attività investigative, attraverso il controllo del territorio e opportune intercettazioni ambientali, al fine di individuare finalmente i responsabili di tali attentati contro la natura, compiuti evidentemente per rispondere a determinati interessi.

WWF Vibo Valentia


  • fb iconLog in with Facebook