Menu
In Aspromonte
CaiReggio. Anticipata a domenica 26 maggio l'escursione da Monte Papagallo alla foce della fiumara Amendolea

CaiReggio. Anticipata a domeni…

Essendo stata posticip...

Il Prefetto Michele Di Bari in visita a Polsi

Il Prefetto Michele Di Bari in…

Nel suo giro di incont...

Creazzo: “Gentilezza e politica gentile: i valori guidino il nostro agire”

Creazzo: “Gentilezza e politic…

“La gentilezza quale s...

Reggio. Venerdì 10 maggio, presso la sede CAI sez. Aspromonte, si terrà una “presentazione teorica sul torrentismo”

Reggio. Venerdì 10 maggio, pre…

Venerdì 10 maggio 2019...

Parco dell’Aspromonte, nuova pubblicazione scientifica sugli Uccelli nidificanti

Parco dell’Aspromonte, nuova p…

Dal Falco pecchiaiolo ...

CaiReggio. Sabato 27 aprile sarà presentato il libro di Francesco Bevilacqua “Le fantasticherie del camminatore errante”

CaiReggio. Sabato 27 aprile sa…

Sabato 27 aprile 2019 ...

Parco Aspromonte, presentato inedito “Carteggio” tra Corrado Alvaro e Vito Laterza

Parco Aspromonte, presentato i…

Bellezza e dramma. È q...

Wwf: «"Piano lupo", l'esclusione degli abbattimenti è un importante passo avanti»

Wwf: «"Piano lupo", …

Con l’esclusione degli...

Parco dell’Aspromonte. Mercoledì 20 Marzo si terrà la conferenza stampa di presentazione degli “Incontri di Natura”

Parco dell’Aspromonte. Mercole…

Mercoledì 20 Marzo all...

Ambiente. Lungo i fiumi del Pollino

Ambiente. Lungo i fiumi del Po…

Fiume Sinni Il Sinni,...

Prev Next

Il recupero ambientale tema degli “incontri di natura” del Parco

Quarto “Incontro di Natura” questa settimana a Reggio Calabria: giovedì 9 maggio il ciclo di conferenze organizzate dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, insieme al Touring Club Italiano, Club di Territorio di Reggio Calabria, e al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Scienze Umane dell’Università Mediterranea, affronta un tema interessante per chi si occupa di gestione del territorio.

Sarà il direttore del Parco, Sergio Tralongo, a relazionare sul recupero ambientale, ossia sulle tecniche utilizzate per ripristinare aree degradate da azioni umane poco attente al rispetto degli equilibri naturali.

Proprio nelle aree protette molti progetti di questo genere trovano applicazione concreta, con la finalità di favorire la Biodiversità e, di conseguenza, anche l’uomo e le sue attività sostenibili. L’esperienza maturata nei parchi dell’Emilia-Romagna è da questo punto di vista molto interessante: verranno presentati tre interventi di recupero ambientale, realizzati da diversi anni, con l’obiettivo di sistemare una sponda fluviale in erosione, di bonificare un’area deposito di ceneri e di ricreare una zona umida a vantaggio della fauna e della flora locali.

Il taglio divulgativo che si è voluto dare a questa serie di conferenze sarà confermato anche in questa occasione, con l’obiettivo di far “leggere” a tutti le modalità di intervenire su luoghi preziosi e fragili come i parchi. Si tratta di esempi applicabili, naturalmente, anche al nostro territorio.

Appuntamento, come al solito, presso il salone delle Conferenze del Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Scienze Umane dell’Università Mediterranea, in via Campanella 38 a Reggio Calabria, con inizio alle 17. La partecipazione agli “Incontri di Natura” è gratuita.

Ufficio Stampa Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte

v.i.

Leggi tutto

Creazzo: “Gentilezza e politica gentile: i valori guidino il nostro agire”

“La gentilezza quale sentimento che anima l’agire quotidiano. Un impegno nel solco di valori che formano l’animo umano, ne scalfiscono la fisionomia etica e morale, ne guidano i passi ed i respiri.

E questi valori costituiscono il nostro essere. Non sono barattabili e non sono effimera presenza o appartenenza: sono i valori del rispetto verso l’altro ed il prossimo, verso la dignità della persona. Solidarietà e vicinanza ai più bisognosi, ai più deboli. Tutto questo è “gentilezza”.

E’ quanto sostiene in una nota il Vice Presidente dell’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, Domenico Creazzo.

“La politica gentile è stato il tema dell’incontro organizzato a Bagaladi nel ricordo di Angelo Curatola, ex Sindaco della cittadina aspromontana e amministratore amato e apprezzato dai suoi concittadini. Il Parco Nazionale dell’Aspromonte, che in questo momento mi onoro di rappresentare – prosegue Creazzo - ha ritenuto importante essere presente patrocinando l’iniziativa; con la mia partecipazione ho voluto testimoniare la vicinanza alla famiglia e alla comunità di Bagaladi, ma soprattutto un’assonanza con la gentilezza che si fa politica, nel suo essere più profondo.

Ed il richiamo alle qualità sopra menzionati, che determinano l’uomo prima e l’amministratore dopo, non ha colori politici o partitici,  schieramenti o strategie ma rappresentano  solo ed esclusivamente un dovere costante e continuo nei confronti dell’altro, “hic et nunc”.  Sempre.

Eccola la “politica gentile”, quella che supera l’autoreferenzialità ed il clientelismo, che riporta l’etica al centro del ragionamento e dell’agire, che include e non esclude, che si prende cura dell’altro, delle nuove generazioni e non si gira dall’altra parte alla prima richiesta disperata d’aiuto o di necessità. I leader sono coloro i quali riescono ad ascoltare meglio che parlare, interpretando le lacrime dei cittadini, le loro speranze, la loro voglia di rivalsa, quella politica che rinuncia alla compromissione e che grazie a quei valori già richiamati non cerca forze oscure e contrasta l’illegalità in ogni sua forma.

Riportare l’etica nella politica è oggi la sfida storica senza precedenti – conclude Domenico Creazzo - Credo che nessuno abbia il monopolio della saggezza, ma una coscienza quella sì, e ad essa noi dovremo rispondere. Se animati dalla gentilezza potremo sempre guardarla in faccia senza vergogna”.

Il Vice Presidente

Domenico Creazzo

Leggi tutto

Parco dell’Aspromonte, nuova pubblicazione scientifica sugli Uccelli nidificanti

Dal Falco pecchiaiolo alla Tortora selvatica, dalla Balia dal collare al Verzellino: 66 specie censite, alcune di grande valore conservazionistico, per creare una check-list degli uccelli nidificanti nel Parco dell’Aspromonte, integrare la banca dati a disposizione della ricerca e divulgare all’esterno informazioni utili per la salvaguardia e la tutela della biodiversità.

La Collana del Parco si arricchisce di un nuovo preziosissimo volume scientifico, pubblicato dall’EPNA e che rappresenta il risultato di due stagioni di campionamento condotte dai tecnici della Stazione Ornitologica Calabrese (StOrCal) per conto dell’Ente Parco dell’Aspromonte nell’Area Protetta. Il libro, “Gli Uccelli nidificanti nei boschi e nelle aree aperte del Parco Nazionale dell’Aspromonte” è stato presentato nel corso degli “Incontri di Natura”, ciclo di eventi organizzati a Reggio Calabria per celebrare il venticinquesimo compleanno del Parco e con l’intento di promuovere la biodiversità e la geodiversità dell’Aspromonte.

L’Ente Parco ha voluto contrapporre alla carenza di informazioni e dati un’azione sistematica e strategica con programmi di indagine faunistica e floristica, anche con il supporto delle Università, calabresi e non solo, con il duplice obiettivo di colmare le lacune esistenti e, nello stesso tempo, favorire la crescita professionale di tanti giovani, laureati in discipline scientifiche. La pubblicazione riporta i risultati della prima indagine organica, svolta secondo uno specifico protocollo, sugli uccelli che frequentano gli ambienti forestali e le aree aperte dell’Aspromonte. Il lavoro svolto costituisce un’ottima base conoscitiva, sulla quale impostare ulteriori sforzi di ricerca, andando a coprire l’intero territorio protetto.

Il Parco ha così creato una prima check-list aggiornata di tutte le specie presenti nei due ambienti esaminati (aree boscate ed aree aperte), completata da approfondimenti e schede descrittive specifiche.

La pubblicazione rappresenta un vero e proprio manuale di facile consultazione che tratta scientificamente le 66 specie contattate durante le indagini di campo, permettendo di definire composizione e consistenza di alcune specie di grande valore conservazionistico, come la Balia dal collare (Ficedula albicollis) per l’habitat boschivo, l’Averla piccola (Lanius collurio) e la Magnanina (Sylvia undata) per gli ambienti aperti, la cui densità appare in linea o di poco superiore ai valori medi caratterizzanti le stesse specie in ambiente appenninico.

Il taglio divulgativo degli undici capitoli dell’opera, infine, è stato volutamente scelto dagli autori per un duplice scopo: informare e coinvolgere le comunità e i visitatori del Parco Nazionale dell’Aspromonte verso una maggiore responsabilità e attenzione per il territorio e alcune componenti fondamentali degli ecosistemi in cui essi vivono. Il volume è in vendita presso l’Ente Parco e sarà a breve disponibile anche presso i Centri Visita.

Il lavoro scientifico del Parco non si ferma a questa pubblicazione: ulteriori indagini in corso porteranno certamente nuove e interessanti informazioni, mentre il proseguimento dei monitoraggi già attivati arricchirà la banca dati e fornirà spunti e suggerimenti per la corretta gestione del territorio dell’Area Protetta.

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed

  • fb iconLog in with Facebook